Spacciatore ucciso dai sicari del clan: due condannati

Il giudice ha inflitto 30 anni a Massimo Russo e 12 anni a Barbato. Assolto Di Puorto

Massimo Russo è stato condannato a 30 anni

Due condanne ed un'assoluzione. E' stato questo il verdetto del gup di Napoli al termine del processo, con abbreviato, per l'omicidio di Dell'Aversana avvenuto nel 2001 a Villa di Briano. 

Il giudice ha condannato a 30 anni Massimo Russo, detto Paperino, mentre 12 anni sono stati inflitti a Francesco Barbato, collaboratore di giustizia. Assoluzione, invece, per Sigismondo Di Puorto. Nel collegio difensivo sono stati impegnati gli avvocati Giovanni Cantelli e Giuseppe Stellato. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La morte di Dell'Aversana avvenne in seguito ad una vera e propria spedizione punitiva da parte del clan dei Casalesi, con pistole e fucili a canne mozze. Il motivo dell'agguato era da ricercarsi, secondo quanto ricostruito dalla Dda, nel fatto che la vittima spacciasse droga senza il permesso del sodalizio criminale.  

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Pentito casertano si uccide in carcere

  • La ‘Dea bendata’ bacia il casertano: vinti 50mila euro al 10eLotto

  • Casalesi in Veneto, i figli pentiti dei boss testimoni con Zaia e Lamorgese

  • Due casi fuori la 'zona rossa' di Mondragone. Un nuovo caso anche a Falciano

  • Zona rossa a Mondragone, pediatri di famiglia preoccupati: "Scaricate l'app Immuni"

  • Macchia nera in mare, era letame. Denunciati padre e figlio

Torna su
CasertaNews è in caricamento