Giovedì, 13 Maggio 2021
Cronaca

Confisca al boss, mazzata confermata dalla Cassazione

“La ditta di Eremigio era del padre”. “Allungata” la sorveglianza speciale

Vittorio Musone

Confisca confermata così come la sorveglianza speciale per altri due anni a carico di Vittorio Musone, 67 anni di Capodrise, boss del clan dei Belforte. La Corte di Cassazione ha infatti respinto il ricorso presentato e nei giorni scorsi sono state rese note anche le motivazioni.

Relativamente all’aggravamento della misura di prevenzione, gli ermellini scrivono che è stato “ampiamente motivato sugli ulteriori elementi, non noti all'epoca dell'emissione del decreto 26 del 1999 che avevano confermato accentuato il giudizio di pericolosita? sociale criminale del Musone (irrevocabilita? dell'accertamento di reati di porto e detenzione d'armi e di due omicidi, notifica di custodia cautelare in carcere per altri fatti omicidiari e per il delitto ex art.416 bis cod.pen., per cui interveniva condanna definitiva)”.

Sulla delicata questione della confisca, invece, non è andato a buon fine il tentativo del figlio di giustificare la “sproporzione della disponibilità” finanziaria con un’evasione fiscale “non documentata” (secondo i giudici) anche perché, sottolineano: “L’ipotesi accolta dal provvedimento impugnato e? che la stessa societa? Arcadia Costruzioni fosse stata fittiziamente intestata a Eremigio Musone e in realta? appartenesse al padre che l'aveva costituita con risorse illecite. E' evidente quindi che i redditi non contabilizzati percepiti nel corso dell'attivita? dell'impresa e non dichiarati al fisco sono del tutto irrilevanti ai fini dell'accertamento delle modalita? iniziali di costituzione della societa?”.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Confisca al boss, mazzata confermata dalla Cassazione

CasertaNews è in caricamento