Giovedì, 28 Ottobre 2021
Cronaca Aversa

Soldi del clan dei Casalesi 'riciclati': 4 condanne

Cade l'aggravante mafiosa per tutti gli imputati. Assolto uno dei presunti usurai

Quattro condanne e due assoluzioni. Questa la decisione del collegio presieduto dal giudice Rosetta Stravino nei confronti di altrettanti imputati accusati a vario titolo di riciclaggio ed usura, aggravati dal metodo mafioso. 

I giudici del tribunale di Santa Maria Capua Vetere hanno inflitto 6 anni per Gabriele Brusciano; 2 anni e 6 mesi per Luigi Brusciano, al quale sono state concesse le attenuanti generiche; 6 anni per Gennaro Sfoco, di Aversa; 5 anni e 6 mesi per Onesto Iommelli. Pene inferiori rispetto alle richieste della Dda. Per tutti gli imputati è caduta l'aggravante mafiosa dei reati. Assolto, invece, Ferdinando Graziano, detto Nandino Galeone, per non aver commesso il fatto. Sentenza di non luogo a procedere per intervenuta prescrizione per Nicola Pezone. Nel collegio difensivo sono stati impegnati gli avvocati Mario Griffo, Giuseppe Stellato e Massimo D'Errico. I giudici hanno anche disposto il risarcimento per le parti civili costituitesi con l'avvocato Giovanni Zara. 

Secondo l'accusa alcuni degli imputati avrebbero prestato soldi ad imprenditori con tassi di interesse tra il 5 ed il 10%. Dazioni che tra il 2004 ed il 2010 sono arrivate alla somma di 1 milione e 200mila euro di cui ne sono stati restituiti 1,7 milioni. Secondo quanto ricostruito da alcuni collaboratori di giustizia, tra cui il figlio di Sandokan Nicola Schiavone, gli usurai avrebbero reimpiegato nelle loro attività, svolte prevalentemente ad Aversa, soldi di provenienza illecita che arrivavano dal clan dei Casalesi, in particolare dalla fazione capeggiata da Michele Zagaria

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Soldi del clan dei Casalesi 'riciclati': 4 condanne

CasertaNews è in caricamento