Mano dura del sindaco: revocata licenza alla sala giochi chiusa dalla Questura

Arriva lo stop anche alla somministrazione di bevande e alimenti ai clienti

Il bar/sala giochi era stato già chiuso dai carabinieri

Il bar/sala giochi “Play Room” di Aversa non potrà più somministrare ai clienti bevande e alimenti. Il sindaco Alfonso Golia ha revocato la licenza al titolare arrestato ad agosto dai carabinieri per spaccio di cocaina all’interno della sua attività commerciale.

Parallelamente alla grande azione di contrasto messa in campo dai carabinieri di Aversa contro l’illegalità diffusa sul territorio normanno, arriva dunque la mano dura del primo cittadino.

Il noto locale aversano, costantemente frequentato da avventori di ogni età, compresi giovani (anche minorenni) era già stato chiuso per 20 giorni dalla Questura, che aveva provveduto anche alla revoca delle licenze lasciate per l’esercizio della raccolta delle scommesse e per la raccolta del gioco attraverso apparecchi video-terminali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

Torna su
CasertaNews è in caricamento