rotate-mobile
Cronaca Rocca D'Evandro

Il business dell'accoglienza: 500mila euro liquidati "senza atti". Gli amici del sindaco 'raccomandati' all'imprenditore

I contatti tra l'amministratore (di fatto) della cooperativa e Marrocco confermati dalle telefonate. Il gip: "Le conversazioni non lasciano adito a dubbi sull'intenzionale volontà di agevolare Scittarelli"

Oltre 500mila euro finite nelle casse della cooperativa 'La Ginestra' con un affidamento diretto, senza bando, al termine di contatti costanti e continui che, come scrive il gip nella misura cautelare, "non lasciano dubbi sull'intenzionale volontà da parte del sindaco di agevolare lo Sciattarelli nel mantenimento della prosizione di preminenza raggiunta nel settore dell'accoglienza di migranti a Rocca d'Evandro". E' quanto emerge dagli atti di indagine dell'inchiesta 'Welcome to Italy' portata avanti dalla Guardia di Finanza che ha permesso di verificare numerose lacune nella gestione dei fondi per l'accoglienza degli stranieri. 

Tra gli indagati figura anche l'ex sindaco di Rocca d'Evandro Angelo Marrocco, per il quale la Procura di Cassino aveva chiesto l'arresto, ma che resta indagato a piede libero per abuso d'ufficio. Con lui è indagata anche la dirigente dei Servizi sociali Ornella Romanelli che si mette a disposizione di Bruno Vincenzo Scittarelli per il nuovo bando che permetterà alla cooperativa 'La Ginestra' di incassare nel tempo oltre 500mila euro senza alcun giustificativo. Tant'è che quando a dicembre 2016 la Guardia di Finanza si porta negli uffici del Comune non trova alcuna traccia delle ricevute per i pagamenti e la stessa dirigente contatta l'amministratore (di fatto) Scittarelli per chiederne una copia (che le sarà portata da una dipendente dell'imprenditore). 

Ma, come sottolinea lo stesso gip, a dimostrazione che tutta questa operazione viene orchestrata di concerto con l'allora sindaco Marrocco, lo dimostrano i contatti frequenti che quest'ultimo ha con Scittarelli, sia per la predisposizione della deibera da approvare (che secondo gli inquirenti viene impostata proprio negli uffici della cooperativa) sia nelle continue richieste di raccomandazione per concorsi e posti di lavoro che Marrocco avanza al suo interlocutore nelle telefonate intercettate. Ipotesi confermate dall'escussione degli stessi protagonisti da parte della Finanza (e che quasi mai sono andate a buon fine). 

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il business dell'accoglienza: 500mila euro liquidati "senza atti". Gli amici del sindaco 'raccomandati' all'imprenditore

CasertaNews è in caricamento