menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Serre per coltivare fiori 'abusive', la sentenza del Tar

Realizzato anche un container. Il giudice: "Sono in zona sottoposta a vincolo cimiteriale"

Realizza un container adibito a bagno e cucina, e anche tre serre, senza averne le autorizzazioni. Prima l’ordinanza di sospensione del Comune e poi la conferma (col ricorso rigettato) da parte del Tar. La signora Rosanna Gennari, rappresentante legale della Green Service, ha realizzato, secondo quanto confermato dal giudice, “in zona sottoposta a vincolo cimiteriale (ove sono consentiti solo interventi su edifici esistenti) e in assenza delle prescritte autorizzazioni sismiche” sia queste 3 serre che un container adibito a bagno e cucina, rivestito in legno e coperto con pannello sandwich. La ricorrente, in quanto titolare dell’impresa dedicata al ‘verde’, riferiva al giudice che nonostante la Scia presentata in Municipio dal “Comune non veniva mai un provvedimento inibitorio dell’attività”.

Solo che il giudice guarda soprattutto alle opere abusive visto che “l’oggetto della controversia è l’avvenuta realizzazione di alcune opere in zona di rispetto cimiteriale e in assenza delle prescritte autorizzazioni cui è seguita l’adozione, da parte del Comune di Gricignano di Aversa dell’ordinanza di demolizione e, da parte del Genio civile di Caserta, dell’ordinanza di sospensione dei lavori”. Secondo quanto verificato dal Tar “i lavori di realizzazione delle serre sono stati intrapresi in difetto dell’autorizzazione sismica o deposito sismico. Su tale ultimo punto lo stesso verificatore ha rappresentato che per la natura delle opere realizzate doveva essere effettuato il deposito sismico prima di intraprendere i relativi lavori”. Quindi le opere aveva bisogno “del permesso di costruire”.

Le 3 serre, oltre ad essere di non facile rimozione, “non sono destinate ad un uso stagionale ma tendenzialmente permanente in quanto in esse si coltivano fiori destinati alla vendita”. In conclusione, “stante il vincolo cimiteriale e data la necessità di munirsi del permesso di costruire nonchè di depositare il progetto ai fini del rispetto della normativa antisismica, non era possibile realizzare i lavori con la presentazione di una mera SCIA ed il Comune non è incorso in alcuna decadenza ai fini dell’esercizio del proprio potere di vigilanza e di controllo sull’attività edilizia”.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Quaterna da sballo ad Aversa: vinti 120mila euro

Attualità

Il Tar annulla l'ordinanza di De Luca sulla chiusura delle scuole

Attualità

Maestra positiva al Covid: chiusa la scuola

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento