La Finanza blocca carico di sigarette di contrabbando: 4 arresti | FOTO

Blitz nei capannoni: sequestrate oltre 2 tonnellate di "bionde". Un contrabbandiere denunciato a piede libero

Il sequestro della guardia di finanza

Quattro responsabili tratti in arresto, 1 denunciato a piede libero e 2 tonnellate di sigarette di contrabbando sequestrate: questo il bilancio di una vasta operazione anti-contrabbando portata a termine dal Comando provinciale della guardia di finanza di Napoli. In particolare, le Fiamme Gialle del gruppo di Nola hanno effettuato un accesso presso un complesso di capannoni situati a Castel Volturno, sorprendendo i contrabbandieri in flagranza di reato. L’ingente carico, 2 tonnellate di sigarette marchio “Winston”, aveva raggiunto il punto di stoccaggio a bordo di un autoarticolato di una nota ditta di trasporti. Al fine di rendere maggiormente credibile l’ingegnosa “copertura” e destare il meno possibile l’attenzione delle forze di polizia, il soggetto che trasportava il prezioso carico si è preoccupato anche di indossare una tuta da operaio della stessa ditta.

Quando i finanzieri sono penetrati all’interno della struttura, hanno sorpreso i contrabbandieri mentre caricavano le “bionde”, che erano giunte a bordo del camion su due furgoni. Nella circostanza, sono stati tratti in arresto 4 contrabbandieri: un 59enne pluripregiudicato, due 31enni di Napoli incensurati, un 56enne di Napoli residente a Latina con precedenti per furto aggravato, sanzionati anche per aver violato le disposizioni nazionali e regionali anti-Covid. Un quinto uomo, 41enne napoletano, residente a Castel Volturno, con numerosi precedenti alle spalle, è stato denunciato a piede libero.

L’operazione, frutto della costante attività di presidio economico del territorio, finalizzata, in questo particolare periodo storico, a contrastare l’illegalità diffusa e ad assicurare il rispetto delle misure di contenimento della diffusione del Covid-19, conferma la redditività, spesso sottovalutata, del contrabbando di sigarette nell’economia illecita e la sua pericolosità per la salute causata dall’immissione sul mercato clandestino di prodotti oltremodo privi di ogni tipo di controllo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Scoperti i furbetti del cartellino all’Asl, sospesi 13 dipendenti

  • Il casertano piange 24 vittime: un morto all'ora per Covid in una sola giornata

  • Quasi 2mila guariti nel casertano. Cala percentuale dei positivi

Torna su
CasertaNews è in caricamento