Rapinato e sequestrato fuori la discoteca, catturati dopo ore di fuga

Due giovani di Maddaloni fermati dai carabinieri in provincia di Venezia

Sono entrambi di Maddaloni i due giovani arrestati dal Nucleo operativo e radiomobile di San Donà e dai militari della stazione carabinieri di Meolo (Venezia) con l’accusa di rapina e sequestro di persona in concorso.

Stando ad una prima ricostruzione, riporta VeneziaToday, il tutto avrebbe avuto inizio nella notte tra sabato e domenica con un'aggressione nel parcheggio all'esterno di una discoteca di Spresiano (Treviso). I due ragazzi maddalonesi di 23 e 20 anni, si sarebbero avvicinati ad un 45enne del posto e lo avrebbero picchiato e rapinato del cellulare, dei soldi e delle chiavi di casa. Dopodiché lo avrebbero costretto a salire nella sua macchina e insieme avrebbero guidato per ore, senza meta, in lungo e in largo tra le province di Treviso e Venezia.

Il lungo viaggio è terminato a Caposile. Gli aggressori si sono fermati nelle vicinanze di un bar e hanno abbandonato nell'auto il 45enne, il quale, lasciato solo e tumefatto, è riuscito ad attirare l’attenzione di un passante che ha allertato il 112. 

Sul posto sono intervenute le pattuglie del Nucleo operativo e radiomobile di San Donà e quelle della stazione carabinieri di Meolo, che si sono messi a caccia dei responsabili trovandoli e bloccandoli poco più tardi. I due avevano cercato di allontanarsi a piedi, abbandonando la refurtiva. I due giovani casertani sono stati quindi arrestati e portati in carcere.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Un casertano 'firma' la nuova stazione della metro di New York

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

  • Caserta perde un pezzo di storia, "Dischi Sgueglia" chiude dopo 65 anni

  • La Dea bendata bacia il casertano: vinti 100mila euro

Torna su
CasertaNews è in caricamento