rotate-mobile
Martedì, 29 Novembre 2022
Cronaca Santa Maria Capua Vetere

Parcheggio auto del mercato in un’area sottoposta a vincolo archeologico

La scoperta della Guardia di Finanza che ha disposto il sequestro

Il gip del tribunale di Santa Maria Capua Vetere ha convalidato il sequestro del parcheggio adiacente all’area del mercato settimanale di Santa Maria Capua Vetere, ‘sigillata’ dalla Guardia di Finanza di Capua nella giornata di giovedì scorso, come anticipato da Casertanews.

Il provvedimento è scaturito da un controllo ordinario in materia di rilascio di scontrini e ricevute fiscali. Infatti, come da prassi, nel corso delle operazioni i Finanzieri hanno chiesto al titolare della cooperativa che gestiva il parcheggio di esibire le relative autorizzazioni amministrative. Dalla documentazione fornita è quindi emerso che ne aveva la disponibilità fin dal 2015 sulla base di un subaffitto di altra società formalmente affittuaria ma non risultava chiara la posizione amministrativa.

Sequestro parcheggio mercato Santa Maria Capua Vetere

Per dirimere ogni incertezza sulla regolarità dell’attività, le Fiamme Gialle si sono recate immediatamente presso gli uffici comunali dove è stato accertato che la cooperativa aveva effettivamente presentato a suo tempo la Scia (Segnalazione Certificata di Inizio Attività) alla S.U.A.P. del Comune sammaritano, ma quest’ultima l’aveva dichiarata “irricevibile” per irregolarità della documentazione allegata all’istanza. Di fatto, quindi, già da qualche anno la cooperativa operava abusivamente, non essendo in possesso di alcuna autorizzazione per l’esercizio dell’attività di sosta a pagamento.

Proprio presso l’Ufficio Urbanistica è stato poi constatato che il terreno su cui venivano parcheggiate le auto dei tanti clienti del mercato è ricompreso in un’area sottoposta a vincolo archeologico, dichiarata di interesse rilevante ai sensi della legge n. 1089/39 e sottoposta a tutte le conseguenti tutele che ne limitano anche la destinazione d’uso.

Si è proceduto, quindi, a sottoporre a sequestro l’intera superficie adibita a parcheggio, dell’estensione di 8.000 mq (400 posti auto circa), segnalando il gestore della stessa all’Autorità Giudiziaria, per la violazione dell’art. 44, comma 1, del D.P.R. 380/2001, ed al Comune di Santa Maria Capua Vetere, per l’applicazione delle sanzioni previste dall’art. 57 della Legge Regionale Campania n. 2/2014.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Parcheggio auto del mercato in un’area sottoposta a vincolo archeologico

CasertaNews è in caricamento