rotate-mobile
Lunedì, 4 Luglio 2022
Cronaca Teverola

Scommesse clandestine, blitz dei carabinieri: nei guai tre allibratori

I militari hanno denunciato tre persone, quasi 10mila euro trovati a casa del 'gestore occulto'

I carabinieri del comando Stazione di Teverola, unitamente a personale dell’Agenzia delle Dogane di Caserta, nell’ambito di un servizio finalizzato al contrasto del fenomeno delle scommesse clandestine hanno denunciato in stato di libertà per esercizio abusivo di attività di giuoco o scommessa e per attività dedita ad esercizio di scommesse sportive senza alcuna autorizzazione un 34enne di Teverola, gestore del centro scommesse, un 19enne di Casaluce, in qualità di preposto della citata attività, ed un 47enne di Villa di Briano, in qualità di gestore occulto.

In particolare all’esito dei controlli è stata accertata la mancanza dei prescritti titoli autorizzativi per l’esercizio dell’attività di scommesse. Nella circostanza sono state contestate violazioni amministrative per un ammontare di 30.000 euro.

La successiva perquisizione domiciliare, eseguita presso l’abitazione del 47enne di Villa di Briano, che dagli elementi raccolti è risultato essere il gestore occulto dell’attività in argomento, ha consentito ai militari dell’Arma di rinvenire e sequestrare la somma contante di 8.693 euro ritenuta provento dell’attività illegale avviata presso quel punto scommesse. I locali all’interno dei quali è stata esercitata l’attività illecita sono stati sottoposti a sequestro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scommesse clandestine, blitz dei carabinieri: nei guai tre allibratori

CasertaNews è in caricamento