rotate-mobile
Cronaca Casal di Principe

Scarcerazione 'bis' per mandante omicidio don Diana

De Falco era tornato in carcere alla scadenza del periodo di detenzione ai domiciliari

È stato nuovamente scarcerato, e sempre per motivi di salute in quanto “malato terminale”, Nunzio De Falco, boss del clan dei Casalesi condannato perché riconosciuto come il mandante dell’omicidio di Don Peppe Diana, il sacerdote ucciso a Casal di Principe il 19 marzo del 1994.

Il giudice del tribunale di sorveglianza di Napoli ha infatti accolto l’istanza presentata a metà febbraio dall’avvocato Gaetano Pastore, legale di De Falco, disponendo la scarcerazione del boss, che era a Poggioreale, e i domiciliari a casa della sorella a Villa Literno, nel Casertano. De Falco, 72 anni compiuti proprio il 19 marzo, era già stato scarcerato il 26 luglio del 2021 dal magistrato di Sorveglianza di Sassari, essendo in quel momento detenuto in Sardegna. Per il giudice sardo, la prosecuzione della detenzione sarebbe stata in contrasto “in maniera grave e lampante con il principio di umanità e con il divieto di trattamento inumani o degradanti”.

De Falco finì così ai domiciliari, per sei mesi, e alla scadenza tornò in carcere. Anche questa nuova decisione del magistrato di sorveglianza, che non ha tenuto conto del parere contrario della Procura partenopea, ha una durata di sei mesi. De Falco potrà dunque usufruire dei domiciliari fino al prossimo mese di ottobre.

Noto negli ambienti criminali come ‘O lupo”, Nunzio De Falco fu arrestato a Valencia in Spagna nel novembre del 1997 ed estradato in Italia nell’aprile del 2000. De Falco è stato condannato a due ergastoli, ovvero come mandante dell’omicidio di don Diana e dell’omicidio di Mario Iovine, tra i fondatori del clan dei Casalesi, ai vertici della cupola camorristica di Casal di Principe, ucciso a Cascais in Portogallo il 6 marzo del 1991.

Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Scarcerazione 'bis' per mandante omicidio don Diana

CasertaNews è in caricamento