Svolta nell'indagine sull'ex consigliere: il gip lo scarcera

Arriva la decisione. Ed ora scatta la denuncia contro i familiari

Completamente libero l’ex consigliere di Castel Volturno Giuseppe Gravante. Il Gip revoca il provvedimento dei domiciliari. Ora l’ex politico denunzia per calunnia i suoi parenti che lo hanno denigrato. Vi avevamo raccontato che fu un interrogatorio di garanzia lungo, serratissimo, ma anche proficuo, ricco di chiarimenti e di giustificazioni quello di tre giorni fa di Gravante Giuseppe dinanzi al Giudice per le Indagini Preliminari del Tribunale penale Sammaritano, la dott. ssa Ivana Salvatore.

Il Giudice ha dato credito alla coerente versione prospettata dei fatti ed alle spiegazioni dell’ex consigliere comunale castellano. Alla fine l’impianto accusatorio costruito dalle persone offese - che lamentavano di aver subito continui atti persecutori - non ha retto al vaglio del Giudice delle Indagini Preliminari, come esse avevano chiesto nelle loro denunzie querele al Pubblico Ministero del locale Tribunale il dott. Sergio Occhionero. Tutto dunque ora riparte da zero. Nuove indagini. Nuovi approfondimenti. Cio’ competera’ al Pubblico Ministero. Non sussiste ora il reato di atti persecutori che avrebbero subito i parenti di Gravante Giuseppe: questo, a quanto comprendiamo, emerge dal provvedimento del Giudice e come lo stesso Gravante Giuseppe ha sempre sostenuto, sin dall’inizio di questa vicenda.

Tutto ora e’ stato processualmente ridimemsionato ed e’ stato riportato nell’alveo di una lite familiare (con lesioni anche colpi di bastoni). Ma da qui, arrivare invece ad ipotizzare una vicenda di stalker ce ne passa. Questo ha ritenuto il Giudice penale sentenziando nei confronto dell ‘ex consigliere castellano Gravante Giuseppe che sin dall’inizio di questa vicenda, ha sempre dichiarato di non aver mai fatto del male ai suoi familiari, anzi ha detto che egli, al contrario, e’ stato lui a subire aggressioni dai suoi fratelli e sorelle per motivi di eredita’.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Tutto cio’ nella erronea convinzione dei suoi parenti che la piccola azienda agricola bufalina fosse di suo padre; ma la verita’ stada un’altra parte. Il Giudice ha dato credito all’ex consigliere comunale di Castel Volturno, Giuseppe Gravante, che lo ha dimostrato documentalmente alla presenza dei suoi due legali di fiducia, l’avvocato Raffaele Crisileo e l’avvocato Gaetano Crisileo. Giuseppe Gravante ha dimostrato al Giudice la dott. ssa Ivana Salvatore la piena proprieta’ della sua azienda agricola riconducibile a lui sin dal 1999 consegnando un certificato camerale storico della Camera di Commercio di Caerta che dimostrava la provenienza di quel bene in capo a lui. Ma a latere non va sottaciuto che (ieri il Comando Nas ) ha ispezionato - in modo capillare - l’azienda bufalina Gravante. Intanto i tanti certificati medici ospedalieri prodotti dagli avvocati Crisileo hanno avuto certamente una parte determinante per dare una svolta alla vicenda dai quali certificati risultava che l’aggredito era stato lui per cui dovette andare al Pronto Soccorso della Clinica Pineta Grande di Castel Volturno per aver subito un serio trauma cranico. Ora che e’ libero l’ex politico castellano Giuseppe Gravante ha seria intenzione di denunziare i suoi parenti denigratori per il reato di calunnia.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Le nuove leve dei Casalesi con a capo il figlio del boss: 18 arresti

  • Pentito svela la 'strategia del clan': "Bloccavamo gli imprenditori di Zagaria in cambio del 10% dell'appalto"

  • False ricette per intascare i soldi dall'Asl Caserta: chiuse le indagini per 14 persone

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

Torna su
CasertaNews è in caricamento