Svolta per la farmacista accusata di truffa

Scarcerata Elisa Castaldo. La professionista accusata di rimborsi per ricette mediche a pazienti inesistenti

La truffa con le false ricette

Ha ritrovato la libertá Elisa Cataldo, la farmacista di Castel Volturno che mediante false ricette intestate a pazienti deceduti, inesistenti o ignari che intascava un cospicuo rimborso dal Servizio Sanitario Nazionale.

A stabilire la  scarcerazione della donna, difesa dall'avvocato Ferdinando Letizia, è stato il Tribunale di Santa Maria Capua   Vetere dopo un lungo periodo di arresti domiciliari. Dal 2013 fino al marzo del 2016 grazie alla collaborazione di Giuseppe Pesce (ora deceduto) medico di base convenzionato con l'ASL di Caserta venivano prescritti farmaci non connessi ad una reale esigenza terapeutica perchè destinati a pazienti deceduti, inesistenti o inconsapevoli al solo fine di consentire alla titolare della farmacia " Cristinziano" sita a Castel Volturno ed ai suoi collaboratori e dipendenti (Antonio Ferrara, Marcello Ferrara, Cecilia Caianiello, Vania Duro) di chiedere il rimborso delle false impegnative mediche a carico dell'Asl di Caserta.

Al defunto medico veniva elargito un lauto compenso per le sue prestazioni da parte della farmacista che grazie alle credenziali di accesso dello stesso dottore alla banca dati del Sistema di Accoglienza Centrale (Sac) del Ministero dell'Economia e delle Finanze insieme ai suoi collaboratori, redigeva in proprio le false ricette per la successiva spedizione ed addebito del costo dei medicinali al Servizio Sanitario Nazionale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ingenti quantitativi di farmaci venivano poi esportati e commercializzati in  Ucraina dopo che Svitlana Gurniak acquistava presso la farmacia di Elisa Cataldo nonchè la farmacia "Satolli" di Mondragone grosse partite di farmaci privi delle fustelle segnaprezzo a loro volta utilizzate per le false richieste di rimborso a danno del Servizio Sanitario Nazionale ricevendole direttamente presso la sua abitazione a Mondragone. Ancora pendente nei riguardi della farmacista il procedimento penale che la vede interessata.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Antonietta, l'ingegnere casertano che ha rifiutato le offerte del Nord ed ha reinventato l’Ingegneria Clinica della Federico II

  • Caterina Balivo ad Aversa tra piatti da lavare e gran caldo

  • Violento temporale sul casertano: strade allagate. E' già caos | FOTO E VIDEO

  • Bomba di caldo, ecco le città casertane più ‘hot’. Ma c'è in arrivo la pioggia

  • Il pentito: "Ho permesso di spacciare nella piazza che i Belforte mi avevano lasciato dopo gli omicidi"

  • Il compagno di scuola pentito: "Autorizzato a spacciare con una mia lettera"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento