Detenuto ricoverato in ospedale, salta il processo

Il titolare di un centro medico accusato di aver aiutato Zagaria durante la latitanza

Nicola Russo

E’ saltata l’udienza del processo in programma questa mattina al tribunale di Napoli davanti al collegio presieduto dalla dottoressa Miele a carico di Nicola Russo, 62 anni di Trentola Ducenta, finito in manette nell’ambito di un filone dell’inchiesta sugli affari dei Casalesi nel centro commerciale Jambo.

L’udienza è saltata perché l’imputato (che è attualmente detenuto) è stato ricoverato in ospedale al Cardarelli e per questo motivo non poteva essere presente in aula. Il giudice, di concerto col pm della Dda e gli avvocati difensori Giovanni Cantelli e Giovanni Sibilio, hanno disposto il rinvio dell’udienza alla prossima settimana.

Russo è accusato dalla Dda di aver aiutato il boss dei Casalesi Michele Zagaria durante la latitanza e risponde di associazione camorristica. Secondo la Procura antimafia, Russo, che gestisce un laboratorio di analisi a Trentola Ducenta, avrebbe fornito al capoclan carte di identità per poter spostarsi permettendogli anche di effettuare accertamenti clinici nel suo centro.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ufficiale: Campania in zona gialla. Confermate le restrizioni per il week-end

  • Giovanni a 6 anni debutta su Rai 1 nella fiction ‘Mina Settembre’

  • L'abbandono, poi le lacrime e l'abbraccio: 'C'è Posta per Te' riunisce padre e figlio del casertano

  • Blitz di Luca Abete, scoperta scuola che offre punteggio ai prof in cambio di soldi I VIDEO

  • Muore improvvisamente ed i carabinieri scoprono la casa a luci rosse

  • Un boato in pieno coprifuoco: bomba esplode davanti a tabacchi

Torna su
CasertaNews è in caricamento