rotate-mobile
Mercoledì, 8 Febbraio 2023
Cronaca Piedimonte Matese

Riscossione dei tributi, stangata in tribunale: Comune 'sconfitto' in due procedimenti

Dovrà pagare le spese legali e quelle di giudizio, Leuci: "E si rischia anche un mega risarcimento"

Con sentenze pubblicate due giorni fa, il Comune di Piedimonte Matese è stato condannato in due procedimenti dal Tribunale Amministrativo della Campania, su ricorso della Società Studi e Servizi, che gestiva fino a dicembre scorso il servizio di riscossione dei tributi. Infatti, l’amministrazione del sindaco Civitillo, poche settimane dopo l’insediamento, avviava un procedimento per rescindere il contratto con questa società, che aveva un incarico della durata di 5 anni, procedendo poi ad affidare lo stesso servizio a ben due soggetti, invece che a uno.

Alla Aerarium P.A. s.r.l. infatti, andava l’incarico, prima per quattro mesi e poi, con altra determina, estesi a 19 mesi, di supporto alla gestione dei Tributi comunali. Alla Pubblialifana, invece, andava, con le stesse modalità l’incarico di Supporto alla riscossione coattiva dei tributi e delle altre entrate patrimoniali.

Il Tribunale, inoltre, contesta al Comune di aver “spacchettato” i due servizi per eludere l’obbligo di svolgere una procedura di gara ad evidenza pubblica che scatta quando l’importo del servizio supera i 139mila euro. Infatti, spiegano i giudici, sommando gli importi dei due servizi si arriva a 168.700 euro, che diventano molti di più (224.500 euro) se si calcola anche l’aggio da riconoscere al soggetto che svolge il servizio.

"Per questo e per altre irregolarità, il Tribunale ha condannato il Comune a pagare 3mila euro per ciascuna sentenza, che ricadono sulle spalle dei cittadini contribuenti di Piedimonte, così come il compenso ai legali nominati dall’amministrazione. Ma noi siamo ancor di più preoccupati, dal fatto che la dichiarazione di nullità dei contratti stipulati dal Comune potrebbe avere forti ripercussioni sul mancato incasso di tributi e cartelle, con notevole danno erariale per l’Ente - ha detto il gruppo “Progetto Piedimonte” del capogruppo Costantino Leuci -. Per non parlare della possibilità che il Comune sia soccombente anche in sede di contenzioso civile, al quale l’ha chiamato la Società Studi e Servizi, chiedendo un elevatissimo risarcimento danni, che ancora una volta ricadrebbe sui cittadini di Piedimonte Matese. Ma per far sì che ogni cittadino contribuente sia informato al meglio e si formi una propria opinione, alleghiamo qui di seguito le sentenze del Tar. Aspettiamo chiarimenti da parte di chi ci amministra e lasciamo voi il giudizio". 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Riscossione dei tributi, stangata in tribunale: Comune 'sconfitto' in due procedimenti

CasertaNews è in caricamento