Bimba morta, salta l’interrogatorio del padre: “Condizioni fisiche delicate"

Narciso ha lanciato dal balcone la figlia di 16 mesi ed ha tentato il suicidio

E' stato rinviato a causa delle "delicate" condizioni fisiche e psichiche l'interrogatorio di Salvatore Narciso, il 35enne di Caserta accusato di aver lanciato ieri a San Gennaro Vesuviano, dal balcone del palazzo in cui vivono i suoceri, la figlia di 16 mesi uccidendola ed aver tentato poi il suicidio buttandosi nel vuoto e rimanendo gravemente ferito. 

Lo ha deciso il magistrato che indaga sulla tragedia che ha sconvolto le due comunità. Concorderà una nuova data dopo aver sentito il parere dei medici. Per il momento rimane piantonato e nessuna misura è stata ad oggi decisa nei suoi confronti.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Pasticcio zona rossa in Campania, oggi arriva la nuova classificazione

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • Il sindaco non ha più la maggioranza: bilancio bocciato. Dopo 18 mesi finisce l'era Golia

Torna su
CasertaNews è in caricamento