Domenica, 24 Ottobre 2021
Cronaca Lusciano

Interdittiva antimafia alla ditta dei rifiuti Ecoce

Opera su Parete, Lusciano e Pastorano. Fino a qualche giorno fa anche a Teverola: provvedimento della Prefettura di Napoli

Interdittiva antimafia alla Ecoce, società che si occupa di servizi per l’igiene ambientale, raccolta, trasporto e smaltimento rifiuti, nonché noleggio di automezzi per l’ecologia, spurgo e disostruzione della rete fognaria. L'azienda di Giugliano di Campania è operante anche su alcuni Comuni della provincia di Caserta, tra i quali Parete, Lusciano e Pastorano mentre fino a qualche giorno fa era anche a Teverola. 

Il provvedimento è stato firmato dalla Prefettura di Napoli retta dal Prefetto Marco Valentini. Stiamo parlando di una nota, che in queste ore sarà comunicata anche ai sindaci, emessa il 22 gennaio, quindi una settimana fa, a "carico dell’azienda Ecoce srl con sede in Giugliano che svolge il servizio di raccolta dei rifiuti". 

Questo ovviamente obbligherà probabilmente gli Enti ad attivarsi immediatamente per trovare soluzioni alternative per evitare blocchi alla raccolta della spazzatura. A Teverola la convenzione è scaduta lo scorso 21 gennaio, con una gara già in essere per la scelta di una nuova ditta, mentre a Parete, Lusciano e Pastorano il contratto è ancora in essere e i sindaci stanno attendendo notizie dalla Prefettura. 

Sulla vicenda è arrivata immediata la risposta dell'amministratore unico della Ecoce, Immacolata Cecere: "La Ecoce Srl, opera nel settore dell'ambiente da quasi un decennio, distinguendosi per il rispetto della normativa, oltre che per laboriosità e serietà - ha sottolineato in una nota - L'assetto proprietario dell'impresa si è da sempre dotato di strumenti atti a combatter il fenomeno criminale, ottenendo altresì l'attribuzione di un ottimo punteggio al Rating di Legalità. A seguito della richiesta di iscrizione alla white list nel 2015, dopo ben sei anni, la Ecoce è stata, purtroppo, destinataria di un provvedimento di informativa interdittivi antimafia. Data la totale estraneità dell'impresa e la completa assenza dei presupposti di fatto e di diritto per l'emanazione di un tale provvedimento, abbiamo dato mandato ad una struttura legale al fine di tutelare le nostre ragioni in sede giurisdizionale. Siamo convinti che il tempo ci donerà i giusti risultati acclarando verità nascoste, e restituendo alla proprietà Ecoce srl ed al suo management la moralità oggi offuscata da pregiudizi e misteriosi ragionamenti".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Interdittiva antimafia alla ditta dei rifiuti Ecoce

CasertaNews è in caricamento