Rifiuti, sequestrata un'attività e denunciate 3 persone

Operazione 'Terra dei Fuochi': raffica di controlli di esercito e forze di polizia

Un'attività sequestrata, 3 persone denunciate e 7 sanzionate. Sono questi i numeri dell'operazione "Terra dei Fuochi" condotta dai militari dell’Esercito insieme alle altre forze dell'ordine a Maddaloni, San Marco Evangelista e Giugliano in Campania.

Sono state ispezionate 3 attività imprenditoriali, di cui una sequestrata; identificate 95 persone di cui 3 denunciate e 7 sanzionate; controllati 72 autoveicoli, di cui 3 sequestrati e 2 sanzionati; sequestrate circa 200 metri quadrati di aree e verbalizzate oltre 16mila euro di sanzioni, derivanti da reati di gestione e smaltimento illecito dei rifiuti e degli scarti di lavorazione.

In particolare ieri, nel comune di Giugliano in Campania, le operazioni hanno visto impiegati l’Esercito e le Forze dell’Ordine che, attraverso pattugliamenti e diversi posti di blocco sulle vie di accesso alle località in cui insistono alcuni siti attenzionati, sono riusciti a contrastare il pianificato e illecito abbandono di rifiuti.

In campo sono scesi 27 equipaggi per un totale di 63 unità interforze appartenenti al Raggruppamento Campania dell’Esercito, alla Polizia Metropolitana di Napoli e quella Provinciale di Caserta, ai Carabinieri Forestale, alla Guardia di Finanza, alla Polizia di Stato, ai Carabinieri, alle Polizie Municipali di Giugliano in Campania, Marigliano e Maddaloni, supportati dall’Arpac di Caserta e dell’Asl di Caserta.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Il terno al Lotto per l'addio a Maradona

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Lotta ai furbetti senza assicurazione e collaudo, ecco 4 telecamere | FOTO

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • La confessione del magistrato: "Volevo arrestare Maradona per un traffico di droga tra Caserta e Napoli"

Torna su
CasertaNews è in caricamento