Cimitero trasformato in discarica, chiesta l'assoluzione per l'ex sindaco

Il pm ha invocato la condanna per il dirigente dell'ufficio tecnico e per il custode

L'ex sindaco Antonio Carusone

Due condanne ed un'assoluzione. Sono queste le richieste formulate dal pubblico ministero nel processo per la discarica all'interno del Cimitero Comunale di Pontelatone. 

Stamattina, dinanzi al giudice monocratico Maisto del tribunale di Santa Maria Capua Vetere, il pm ha invocato la condanna a 4 mesi, a testa, per il dirigente dell'ufficio tecnico Raffaele Marra e per il custode del cimitero. Chiesta l'assoluzione, invece, per l'ex sindaco di Pontelatone Antonio Carusone

Secondo l'accusa sarebbero responsabili, a vario titolo, del deposito incontrollato di materiali di risulta derivanti da "attività di estumulazione (resti di bare in legno, avanzi di indumenti, imbottiture, lapidi, oggetto di arredo sacro) e da demolizioni edili (calcinacci, mattoni, tegole) in un quantitativo superiore ai 30 metri cubi" all'interno del cimitero.

Il processo è stato rinviato all'inizio di marzo per le discussioni degli avvocati e la sentenza. Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Paolo Di Furia, Emilio Russo e Nadia De Marco.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Doppio agguato di camorra, giallo sull'auto del commando

  • Mamma costretta a fare orge per mantenere la figlioletta: "Se smetti ti uccidiamo"

  • Schianto tra auto e camion sulla statale: ferita 27enne | FOTO

  • Omicidio Vannini, le troupe televisive a Caserta alla ricerca di Antonio Ciontoli

  • Assalto fuori la banca, ferita una guardia giurata

  • Ragazza investita dal treno merci mentre è sui binari

Torna su
CasertaNews è in caricamento