rotate-mobile
Cronaca

Il Tar sospende l'aggiudicazione dell'appalto rifiuti a Caserta

Accolta l'istanza cautelare della seconda classificata Isvec: una delle società dell'Ati rescinde la sua partecipazione pochi giorni prima. Napoletano e Santonastaso protocollano l'interrogazione

Il Tar della Campania sospende l'aggiudicazione dell'appalto dei rifiuti a Caserta alla Si.Eco. L'ottava sezione di Palazzo de Londres, presidente Alessandro Tomassetti, ha accolto l'istanza cautelare della Isola Verde Ecologia (Isvec), difesa dall'avvocato Renato Labriola, sospendendo l'aggiudicazione dell'appalto, da 12 milioni di euro, in attesa della trattazione nel merito fissata per il prossimo 20 giugno. 

Il ricorso

La gara è stata aggiudicata con determina dirigenziale pubblicata lo scorso 31 maggio all'albo pretorio dell'Ente. Secondo Isvec, seconda classificata, l'Ati composta da Igiene Urbana Evolution - Si.Eco non avrebbe avuto i requisiti necessari per partecipare alla gara e quindi andava esclusa dalla commissione.

I dubbi sollevati dalla Isvec

Dalla documentazione nelle mani di Isvec, infatti, è emerso che Igiene Urbana Evolution è nata a fine 2020 dalla cessione di ramo di azienda della società L'Igiene Urbana srl di Milano. Quindi entro i tre anni dalla data di presentazione delle offerte per la gara di Caserta (10 novembre 2023). L'Igiene Urbana srl, inoltre, nel febbraio 2024 è stata sottoposta a liquidazione giudiziale in seguito al ricorso della Procura della Repubblica di Milano. 

Il 7 maggio - quindi poco più di due settimane prima dall'aggiudicazione -  la società Igiene Urbana Evolution, mandataria dell'Ati con Si.Eco, ha comunicato al Comune di Caserta il recesso alla propria partecipazione al raggruppamento temporaneo d'impresa, con la prosecuzione dell'attività da parte della sola Si.Eco. Ad avviso di Isvec l'aggiudicazione "è palesemente illegittima e deve essere annullata", si legge nel ricorso dell'avvocato Labriola. 

renato labriola-3

Fdi presenta interrogazione

Sulla questione i consiglieri comunali di Fratelli d'Italia - Paolo Santonastaso e Pasquale Napoletano - hanno protocollato un'interrogazione nella quale hanno evidenziato "dubbi sull’aggiudicazione per l’affidamento dei servizi di gestione dei rifiuti a Caserta". "Se già è difficile vedere rispettare a pieno regime i capitolati, immaginate lo scenario in questo caso - ribadiscono i due consiglieri comunali - Venendo meno una delle due società aggiudicatarie, le possibilità di un corretto espletamento del contratto si riducono notevolmente a danno dei casertani e dei lavoratori coinvolti. Tra l’altro, un altro aspetto da valutare è che la polizza fidejussoria è firmata da entrambe le società, dunque, anche dall’Igiene Urbana Evolution, nonostante, ad oggi, l’affidamento sia in capo solo alla Si.Eco". 

I consiglieri di Fdi Napoletano e Santonastaso hanno presentata un'interrogazione

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il Tar sospende l'aggiudicazione dell'appalto rifiuti a Caserta

CasertaNews è in caricamento