Riesame per l'imprenditore 'amico' di Zagaria finito in carcere

Gli avvocati hanno chiesto la revoca dell'ordinanza di custodia cautelare

E' fissato per venerdì l'udienza al tribunale del Riesame per valutare l'istanza presentata dagli avvocati Giovanni Cantelli ed Alfonso Maria Stile per conto di Michele Patrizio Sagliocchi, 70enne imprenditore di Villa Literno, finito in carcere con l'accusa di concorso esterno in associazione mafiosa.

Secondo l'accusa l'imprenditore, operante da anni nel settore immobiliare e del commercio dei carburanti, ha contribuito al rafforzamento del clan, in particolare della fazione di Michele Zagaria. 

Ciò soprattutto attraverso l'attività di 'monetizzazione' di assegni e cambiali, anche di provenienza estorsiva, consegnatigli da esponenti del clan (tra cui, Carmine, Antonio e Pasquale Zagaria). In tal modo l'organizzazione criminale avrebbe ottenuto immediata disponibilità di somme liquide senza passare per gli ordinari canali bancari; una compartecipazione dei "Casalesi", per il tramite di imprese di loro fiducia, ai profitti delle sue iniziative economiche. 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Parallelamente, l'imprenditore avrebbe ricevuto in modo continuativo favori di vario genere, come il sostegno per il recupero dei crediti vantati, anche con modalità estorsive,, interventi delle imprese di movimento terra della "fazione Zagaria" nelle sue iniziative edilizie nonché la protezione da eventuali richieste illecite di altri gruppi criminali.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Morti al ritorno dal mare, lacrime e dolore per l’addio a Donato ed Asia

  • Finto contratto da badante per il permesso di soggiorno

  • Casa del sesso in centro, arrestata latitante internazionale

  • Tangenti per gli appalti di esercito ed aeronautica, indagato tenente colonnello casertano

  • Le confessioni in carcere del rampollo: “10mila euro al mese al padre ergastolano. Ha incontrato Zagaria a Modena”

  • Botto in autostrada, auto distrutte dopo lo schianto | FOTO

Torna su
CasertaNews è in caricamento