menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'assistente sociale ricorrente ha lavorato per 5 anni per il Comune

L'assistente sociale ricorrente ha lavorato per 5 anni per il Comune

Assistente sociale fa causa al Comune e chiede 60mila euro

Presentato il ricorso alla Corte d'Appello dopo la sentenza del tribunale sammaritano

Una assistente sociale fa causa al Comune di Maddaloni e chiede circa 60mila euro di risarcimento. Lo si apprende da una delibera di giunta che, su proposta del responsabile comunale agli Affari legali Ascanio Santangelo, ha autorizzato l'Ente a costituirsi in giudizio per difendersi dal ricorso in Appello presentato dalla professionista. 

La vicenda risale al 2011 quando Annalisa Proto, dopo aver lavorato per 5 anni (dal 4 ottobre 2005 al 7 settembre 2010) per il Comune in qualità di assistente sociale, con contratti saltuari di collaborazione a progetto, presentò un ricorso al Tribunale di Santa Maria Capua Vetere chiedendo l'accertamento della natura del rapporto di lavoro e la condanna al pagamento di 52.212 euro a titolo di retribuzioni non corrisposte e 7.200 euro a titolo di Tfr (trattamento di fine rapporto).

Il ricorso fu accolto parzialmente dai giudici del tribunale sammaritano che dichiararono illegittimi i contratti di collaborazione e condannarono il Comune al risarcimento del danno pari a 10 mensilità dell'ultima retribuzione. Ma lo scorso 11 dicembre la professionista, per il tramite del suo avvocato, ha deciso di impugnare la sentenza del tribunale ed ha presentato ricorso innanzi alla Corte d'Appello di Napoli. Ora dunque l'Ente di via San Francesco d'Assisi dovrà difendere i propri interessi davanti ai togati.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

Campania verso la zona arancione. “Al 90% sarà così”

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento