rotate-mobile
Domenica, 14 Agosto 2022
Cronaca Cesa

Revocata la sorveglianza speciale ad un commerciante d'auto

La Corte d'Appello accoglie il ricorso ed annulla la misura di prevenzione. Per i giudici di Santa Maria Capua Vetere è inserito nel circuito dei "cavalli di ritorno"

Revocata la sorveglianza speciale per un venditore di auto di Cesa. Lo ha deciso la Corte d'Appello di Napoli che ha accolto il ricorso dell'avvocato Luigi Marrandino, difensore del commerciante, annullanto il provvedimento emesso dai giudici di Santa Maria Capua Vetere che a gennaio hanno applicato la misura di sorveglianza.

L'ottava sezione della corte partenopea, presieduta dal giudice Rosa Maria Caturano, ha evidenziato come non sussistessero motivi attuali per l'applicazione della sorveglianza speciale a carico dell'uomo, 58enne, essendo i precedenti penali da cui era gravato commessi fino al 2013. 

Secondo i giudici sammaritani, infatti, il 58enne avrebbe diversi precedenti ed almeno fino al 2016 avrebbe gravitato nel circuito delinquenziale del furto di auto e dei cavalli di ritorno, attività che sarebbe stata svolta attraverso la propria attività di rivendita di vetture. Nel suo ricorso l'avvocato Marrandino ha ribadito non solo la risalenza nel tempo di tali precedenti ma anche le condizioni di sostanziale povertà del suo assistito che vive in un container all'interno del deposito per le auto della sua attività.

Alla luce di ciò i giudici hanno accolto il ricorso ed annullato la misura. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Revocata la sorveglianza speciale ad un commerciante d'auto

CasertaNews è in caricamento