Cronaca

Shopping col reddito di cittadinanza nel sexy shop casertano, il caso a 'Striscia' | VIDEO

Il commerciante 'furbetto' aggirava il regolamento che vieta l'utilizzo della carta per simili acquisti

Luca Abete nel sexy shop che accettava il reddito di cittadinanza dai clienti

“Sempre soldi sono, se non li prelevi li perdi e quindi è buono spenderli così”. Si giustificava così il titolare di un sexy shop del casertano alla domanda dei clienti sulla possibilità di utilizzare i soldi del reddito di cittadinanza per acquistare la merce del suo negozio.

Il caso è stato scoperto dalla telecamere di ‘Striscia la notizia’, con l’inviato Luca Abete che ha scoperto il commerciante furbetto in provincia di Caserta. Nel regolamento per l’utilizzo dei soldi del RdC è infatti espressamente vietato “acquistare con la carta materiale pornografica e beni e servizi per adulti”.

Un divieto aggirato tranquillamente dal commerciante casertano, smascherato però dal servizio in tv. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Shopping col reddito di cittadinanza nel sexy shop casertano, il caso a 'Striscia' | VIDEO

CasertaNews è in caricamento