Rapinatori sfortunati: rischiano il carcere per un colpo da 11 euro

Quattro banditi fanno irruzione nell'ufficio postale di viale Kennedy e prendono in ostaggio un cliente prima di scappare con un misero bottino. Indaga la polizia

(foto di repertorio)

Una rapina destinata a rimanere nella 'storia'. Un colpo da 11 euro per il quale ora i rapinatori rischiano di finire in carcere. E' successo ad Aversa, presso l'ufficio postale di viale Kennedy nella giornata di martedì. Alle ore 13 circa, quattro malviventi a bordo di una Lancia Y10, armati di coltello e cacciavite, hanno fatto irruzione all'interno dell'ufficio postale di viale Kennedy ed hanno preso in ostaggio un cliente (un uomo di circa 50 anni), per farsi consegnare i soldi dai cassieri delle Poste.

Tuttavia il piano organizzato dai banditi non ha portato i frutti sperati. Infatti l'uomo (di grossa stazza) preso in ostaggio ha cercato subito di divincolarsi e ne è nata una colluttazione. Alla fine i rapinatori sono riusciti a portare via solo 11 euro dalla cassa di uno degli impiegati dell'ufficio postale, mentre l'ostaggio (brutalmente malmenato) è rimasto gravemente ferito ed è stato subito trasportato in ospedale, dove ha rimediato una prognosi di 7 giorni. 

Sul posto tempestivo l'intervento di una volante degli agenti di polizia del Commissariato di Aversa, diretti dal dottor Vincenzo Gallozzi, che hanno raccolto le testimonianze dei presenti e acquisito le immagini delle telecamere di videosorveglianza per cercare di risalire ai quattro rapinatori. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Vincita da 10mila euro: festa in ricevitoria

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Lutto a scuola, muore professoressa di 56 anni

Torna su
CasertaNews è in caricamento