Rapina alle Poste in stile 'Casa di Carta': "Credevamo fossero muratori"

Polizia e carabinieri sulle tracce della banda travestita con abiti da lavoro

Il colpo in corso Giannone

"Stavo aspettando il mio turno quando ho visto delle persone entrare e tirare fuori le pistole". E' il racconto agghiacciante di una donna che era in attesa all'interno dell'ufficio postale di corso Giannone dove stamattina si è verificata una rapina in stile "Casa di Carta". 

La donna era nella Posta insieme alla nipotina ed è riuscita a guadagnare l'uscita senza conseguenze. Il colpo si è verificato intorno alle 9,15.

Immediatamente sono giunte le pattuglie di polizia e carabinieri sul posto ma i banditi, a quanto pare, sono riusciti a guadagnare la fuga attraverso le fogne. Si scava alla ricerca dei malfattori per individuare il cunicolo sotterraneo. In cielo si è alzato anche un elicottero.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Secondo quanto riferiscono alcuni testimoni i banditi indossavano tute da lavoro. "In un primo momento credevamo fossero dei muratori poi hanno estratto le armi", raccontano. Chi era presente nell'ufficio postale è letteralmente sotto shock per quanto accaduto. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Bambino casertano di 3 anni trovato morto vicino al fiume

  • Coronavirus, contagiata una 16enne. Scuole chiuse: “Proroga inevitabile”

  • Coronavirus, contagiata donna di 40 anni: è in ospedale

  • Coronavirus, Annamaria non ce l'ha fatta. Muore dopo il ricovero

  • Coronavirus. Nuovi positivi a Capua, Francolise e Pietramelara

  • Muore 32enne in ospedale, effettuato il tampone

Torna su
CasertaNews è in caricamento