menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
La vittima dell'omicidio Bartolomeo Casparrino

La vittima dell'omicidio Bartolomeo Casparrino

Bidello ucciso durante la rapina, assolto 12 anni dopo il delitto

Il processo d'Appello bis per la morte di Casparrino. Per i giudici il 35enne non ha partecipato al raid

Assolto per non aver commesso il fatto. Questa la sentenza della Corte d'Assise d'Appello di Napoli nei confronti di Alexandru Onofreiciuc, 35 anni, accusato di aver partecipato alla rapina che costò la vita a Bartolomeo Casparrino, il bidello ucciso nel 2009 a Vairano Patenora. 

La Corte Partenopea ha così annullato, condividendo le tesi dei difensori degli imputati, gli avvocati Gianluca Giordano ed Andrea Balletta, la precedente sentenza di condanna. Onofreiciuc, assolto per il reato di omicidio, era stato condannato in primo grado a 12 anni per la rapina, pena ridotta a 9 in Appello. Nel 2014 la Corte di Cassazione ha annullato la sentenza impugnata dai difensori del'imputato disponendo un processo di appello bis che si è concluso con l'assoluzione. Nel corso della sua requisitoria il pg aveva chiesto 12 anni di carcere. 

Casparrino fu ucciso per soffocamento, probabilmente con un cuscino pressato sul viso. Due rapinatori intervennero per legarlo e immobilizzarlo, il bidello venne picchiato e malmenato e la sua agonia durò tra i 4 e i 6 minuti. Il commando utilizzò anche un basista, la badante dell’est europeo che aiutava la madre di Casparrino, che abitava con l’uomo. Per il delitto altre 6 persone sono state condannate con pene dai 9 anni fino a due ergastoli inflitti nei confronti del gruppo che agí.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento