Rapina in gioielleria, il proprietario li disarma e li mette in fuga

I due arrestati dai carabinieri: l’auto abbandonata e bruciata a Casal di Principe

Avevano utilizzato per il loro colpo in gioielleria una Fiat 500 risultata rubata in provincia di Caserta e poi ritrovata bruciata a Casal di Principe. Sono finiti però in manette G.R. (24 anni) e B.R. (33 anni), entrambi di Scampia e già noti alle forze dell’Ordine, ritenuti gli autori della rapina commessa ieri in una gioielleria in via Gobetti a Somma Vesuviana.

I due giovani avevano, come riporta NapoliToday, avevano il volto coperto e avevano minacciato il gioielliere con una pistola con l’intenzione di impossessarsi di gioielli e del denaro nella cassa. Nonostante lo spavento il commerciante era però riuscito a disarmare uno dei malviventi e a mettere in fuga entrambi.

Sul posto erano quindi giunti per le indagini i carabinieri della Stazione di Somma Vesuviana che nell’immediatezza hanno rinvenuto e sequestrato l’arma e l’auto usate dai rapinatori. I militari li hanno identificati a partire da immagini prese dagli impianti di videosorveglianza e a servizi di controllo sul territorio. Nei loro confronti hanno oggi dato esecuzione a un’ordinanza di custodia cautelare emessa dal GIP di Nola su richiesta della locale Procura per tentata rapina.

Dopo le formalità di rito sono stati tradotti ai domiciliari. 

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Schianto mortale con l'Apecar, un morto sull'Appia

  • Tragedia in ospedale, bambina muore dopo il parto

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento