rotate-mobile
Cronaca Capodrise

Commerciante pestato col calcio della pistola e rapinato

Aggredito da un ragazzo mentre il complice attendeva fuori. Il fratello si sfoga sui social: “Vi maledico”

Aggredito, pestato a sangue e rapinato poco prima della chiusura della propria attività. E’ quanto accaduto ad un noto commerciante di Capodrise, titolare di un negozio di materiale elettrico, che si è ritrovato davanti un rapinatore armato di pistola poco prima della chiusura.

Il malvivente lo ha colpito diverse volta alla testa col calcio della pistola, prima di arraffare i soldi che erano in cassa e di fuggire insieme al complice che lo stava attendendo fuori.

Il fratello del commerciante si è sfogato sui social: “Vi maledico per il male che avete fatto a mio fratello, una persona buona e indifesa. Vi sentite grandi nell’andare a rapinare un negozietto di paese che, in tempi di covid e di grandi centri commerciali, arranca quotidianamente per sopravvivere e non chiudere? Che sensazione provate nel rubare il sacrificio e il lavoro delle persone?”.

Stando ad una prima ricostruzione, sembra che il commerciante avesse già dato i soldi (circa 200 euro) quando il rapinatore ha iniziato a colpirlo sulla testa con la pistola. E’ stato necessario farlo medicare per le ferite riportate.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Commerciante pestato col calcio della pistola e rapinato

CasertaNews è in caricamento