Sparatoria in banca, fermati 2 uomini: sono accusati di tentato omicidio

Il blitz della polizia scattato all'alba. Si cercano ancora i complici

La rapina alla Bnl di Aversa

Due membri della banda che lo scorso 11 maggio ha assaltato il portavalori della Cosmopol all’interno della filiale della Bnl in viale Kennedy ad Aversa sono stati fermati questa mattina all’alba dagli agenti della Squadra Mobile di Caserta insieme ai colleghi del commissariato di Aversa. 

Accusati di tentato omicidio

I due uomini colpiti da decreto di fermo da parte del magistrato della Procura della Repubblica di Napoli Nord hanno 47 e 56 anni: sono accusati di rapina aggravata e tentato omicidio. Contestualmente sono state anche eseguite diverse di perquisizioni, tra le province di Napoli e Caserta. 

La ricostruzione della rapina

Il provvedimento restrittivo è stato adottato nell'ambito di un'attività d'indagine delegata dal Pubblico Ministero alla Squadra Mobile di Caserta, congiuntamente al Commissariato di Aversa, a seguito dell'efferata rapina consumata lo scorso 11 maggio 2020 presso l'istituto di credito "BNL" di Aversa nel corso della quale vennero feriti un agente di polizia e una guardia giurata. Quel giorno due rapinatori, travisati e muniti di un'arma lunga e di una pistola, accedevano all'area antistante l'ingresso dell'istituto bancario, seguendo la guardia giurata. Uno di loro raggiungeva il vigilante e lo bloccava immediatamente prima che accedesse ai locali dell'istituto; in particolare all'altezza dell'ingresso per l'alimentazione del bancomat, al fine di sottrargli il plico contenente il denaro. Ne nasceva una colluttazione nel corso della quale interveniva un agente del Compartimento Polizia Ferroviaria di Napoli, libero dal servizio, che si trovava sul posto. Questi, coraggiosamente, affrontava il rapinatore che aveva aggredito la guardia giurata, cercando di disarmarlo, ma veniva raggiunto dal secondo criminale che gli esplodeva contro diversi colpi d'arma da fuoco, alcuni dei quali lo attingevano all'inguine e agli arti inferiori. Nella circostanza restava ferita anche la guardia giurata. 

E' caccia ai complici

I rapinatori, dopo aver sottratto alla guardia giurata il plico contenente la somma di 100.000 euro e la pistola in sua dotazione, fuggivano dalla filiale dileguandosi a bordo di un'autovettura. Le immediate attività investigative, condotte con l'ausilio delle analisi delle immagini estrapolate dai sistemi di video sorveglianza, hanno portato alla presumibile individuazione dei due fermati. Ma le indagini non si fermano qui: gli investigatori sono ancora alla ricerca dei complici che hanno aiutato i due fermati.

IL VIDEO DELLA RAPINA: HANNO AGITO IN 30 SECONDI

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vince il concorso ma rinuncia al lavoro in Comune a tempo indeterminato

  • Klaus Davi fa ballare la techno al figlio di Sandokan per pubblicizzare il nuovo libro | VIDEO

  • Nel casertano un salvadanaio da 2,4 milioni di euro depositati alle Poste

  • Ex carabiniere si lancia con l'auto contro la caserma: fermato

  • Lutto a scuola, muore professoressa di 56 anni

  • Oltre 900 nuovi casi e 3 vittime del Covid. Aumenta percentuale positivi

Torna su
CasertaNews è in caricamento