Colpo in banca, arrestati i rapinatori in fuga

Si sono costituiti due uomini del commando che aveva assaltato l'Unicredit di Vairano Scalo

Si sono costituiti alla presenza dei loro avvocati i due rapinatori riusciti a sfuggire all’arresto dopo aver compiuto una incredibile rapina ai danni della filiale Unicredit di via Roma a Vairano Scalo lo scorso 11 febbraio. Nell’occasione il commando, formato da quattro persone, aveva assalto la banca armati di taglierino, minacciando i presenti e legando uno dei dipendenti per farsi consegnare il denaro.

LA RAPINA IN BANCA

Uno dei rapinatori, il 19enne Salvatore Speranza, finì in manette il giorno stesso, fermato dai carabinieri della stazione di Vairano Scalo dopo una breve colluttazione. La ricerca dei fuggitivi non si è mai fermata, ma il cerchio si è chiuso con la decisione a sorpresa degli altri due componenti della gang di costituirsi.

Come riferisce ‘Il Meridiano News’ i due sono un 26enne e un 28enne di Giugliano, F.P. e F.P., che hanno deciso quindi di interrompere la loro fuga dalle forze dell’ordine che da tempo si erano messi sulle loro tracce. I loro arresti seguono quello compiuto nei giorni scorsi di A.P, 32 anni, anch'egli finito in manette per la rapina alla Unicredit. 

Potrebbe interessarti

  • I 10 ristoranti dove si mangia il miglior pesce a Caserta

  • Bevanda disintossicante e sgonfiante: la ricetta per ridurre il girovita

  • Stirare d'estate è una tortura? Ecco come evitare il ferro da stiro e avere abiti perfetti

  • Caiazzo diventa set per la fiction ‘Un posto al sole’ I FOTO

I più letti della settimana

  • Sparatoria nel bar, ferito un uomo vestito da militare: è grave in ospedale | FOTO

  • Tenta strage con l’auto alla stazione e ferisce 2 donne casertane I FOTO

  • La 14enne accusa: "Mi hanno costretta ad andare da don Michele"

  • Schianto sull'Asse Mediano, muore motocicilista

  • Agguato con la pistola contro tre persone, arrestato dopo il blitz in casa

  • 3 ARRESTI Pizzo alla ditta di caffè, in manette fedelissimo di Iovine

Torna su
CasertaNews è in caricamento