rotate-mobile
Cronaca

Raid vandalico contro 'Rain Arcigay' | FOTO

Vandalizzata la targa inaugurata a gennaio per ricordare le vittime omosessuali della strage nazifascista

Vandalizzata la targa che l'associazione Rain Arcigay Caserta, insieme al Comune di Caserta, ha posato il 27 gennaio scorso per ricordare le vittime omosessuali della strage nazifascista. "Siamo sbigottiti e tristi - dicono dall'associazione -. Questa è per noi una escalation di episodi vandalici che da diverse settimane subiamo. La bandiera arcobaleno fuori la nostra sede ormai viene rubata dopo due giorni che la ripristiniamo. Le targhette sulla panchine arcobaleno di Capua e Orta di Atella sono state danneggiate e distrutte più volte, fino ad arrivare alle svastiche su quelle della panchine arcobaleno di Aversa. Oggi sono beni materiali, ma domani potremmo essere noi? Facciamo appello al Sindaco di Caserta affinché ci aiuti nel ripristinare il prima possibile la targa e chiediamo alle Istituzioni, alle Forze dell'ordine e alla società civile tutta di aiutarci nel realizzare e costruire una città più aperta, inclusiva e sicura. Noi non ci fermeremo. Sempre fieri e alla luce del sole".

E' arrivato anche il messaggio di vicinanza da parte del Comitato 'Don Diana': "Quello che è accaduto ieri a Caserta è gravissimo. Imbrattare la targa dedicata alla memoria delle vittime omosessuali della strage nazifascista che l’associazione Rain Arcigay volle lo scorso 27 gennaio, non può essere derubricato come una ragazzata o un semplice vandalismo. Cancellare la memoria e creare un clima di timore è un atto criminale e come tale va condannato. Ci auguriamo che le forze dell'ordine possano presto individuare i responsabili, che la targa venga immediatamente ripristinata e che a nessuno venga in mente di imitare un atto così ignobile. All'associazione Rain Arcigay di Caserta va la nostra vicinanza e convinto abbraccio per rigettare ogni tipo di violenza".

targa rain arcigay-3

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Raid vandalico contro 'Rain Arcigay' | FOTO

CasertaNews è in caricamento