Cronaca

Il racconto choc di Ludovica: “La bottiglia, il sangue e la solitudine. Ora ho paura di uscire”

La ragazza ha raccontato a CasertaNews il suo terribile Capodanno

La 17enne aggredita a Caserta ha riportato un trauma cranico

“Ora ho paura di uscire e di rivederlo”. Queste le parole di Ludovica, la ragazza minorenne, aggredita nella serata del 1° gennaio nei pressi della stazione di Caserta, mentre era insieme ad un suo amico (anch’egli picchiato selvaggiamente) ferma a chiacchierare prima di rientrare a casa.

“Stavamo aspettando delle nostre amiche – ha dichiarato la ragazza 17enne contattata da CasertaNews – quando all’improvviso un ragazzo (l’aggressore, ndr) è arrivato di corsa verso di noi, non ricordo sinceramente da dove sia sbucato, e ha iniziato a dare calci e pugni al mio amico. Io ho provato a tirarlo e in quel momento l’aggressore ha iniziato a chiedere scusa, ha detto che aveva paura, che voleva essere aiutato. Ma subito dopo ha cominciato nuovamente con le aggressioni. Ha preso me per le braccia e mi ha baciata. Io e il mio amico a quel punto abbiamo iniziato a correre per la paura. Mentre correvo, nel girarmi ho visto l’aggressore lanciare una bottiglia di vetro che poi mi è finita in pieno volto. Ho visto il sangue e non ho capito più niente”.

Una triste pagina per la città di Caserta, un Capodanno sicuramente da dimenticare per la giovane Ludovica, che dopo l’aggressione è stata subito accompagnata al Pronto soccorso dell’ospedale Sant’Anna e San Sebastiano di Caserta, dove i medici le hanno diagnosticato un trauma cranico e le hanno applicato 15 punti di sutura sull’arcata sopraccigliare.

L’episodio è stato denunciato alle forze dell'ordine che stanno indagando per rintracciare il balordo. “La cosa più brutta è che molte persone presenti in strada durante l’aggressione non mi hanno aiutata perché dicevano di aver paura. Ora spero solo che trovino l’aggressore”, ha detto la 17enne.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il racconto choc di Ludovica: “La bottiglia, il sangue e la solitudine. Ora ho paura di uscire”

CasertaNews è in caricamento