rotate-mobile
Mercoledì, 19 Gennaio 2022
Cronaca San Marco Evangelista

Racket con bombe e spari: fissato l'appello per 10

La Procura impugna la sentenza per i due assolti. In 8 cercano di ribaltare il verdetto di primo grado

Fissato l'appello per 10 persone accusate a vario titolo di estorsione, aggravata dal metodo mafioso, nei confronti di imprenditori del beneventano. Il presidente della IV sezione penale della Corte d'Appello di Napoli ha fissato l'udienza per la fine del mese. 

In primo grado il gup De Bellis, all'esito del giudizio con abbreviato, aveva inflitto 9 anni e 4 mesi a Pietrantonio Morzillo (avvocati Ettore Marcarelli e Carla Maruzzelli), 45 anni, di Moiano; 6 anni e 8 mesi a Francesco Buono (avvocati Mario Cecere e Mauro Iodice), 29 anni, di Airola; 5 anni e 4 mesi a Luca Truocchio (avvocati Marco Bernardo e Nunzio Gagliotti), 21 anni, di Sant'Agata de' Goti; 5 anni e 4 mesi ad Antonio Buonanno (avvocati Danilo Di Cecco e Giacomo Buonanno), 28 anni, di Moiano; 4 anni ad Alessandro Massaro, 27 anni; 5 anni e 4 mesi a Biagio Massaro, 28 anni, e Pasquale Massaro, 23 anni, di Airola (avvocato Renato Iappelli); 3 anni e 4 mesi a Umberto Zampella (avvocato Nello Sgambato), 38 anni, di San Marco Evangelista. Appello anche per i due assolti in primo grado: Umberto Vitagliano (avvocato Valeria Verrusio), 57 anni, di San Martino Valle Caudina, ritenuto dagli inquirenti esponente di spicco del clan Pagnozzi, e Giovanni Testa (avvocato Vittorio Fucci), 51 anni, di Montesarchio.

Secondo l'accusa avrebbero costretto imprenditori e commercianti a versare il pizzo al clan Pagnozzi operante proprio a cavallo tra le due province. Zampella in particolare era accusato di essersi recato in un'azienda avicola minacciando il titolare: "sono 7 mesi che i compagni stanno aspettando e voi sapete dove andare... Ci dovete dare 100mila euro". Una somma che la vittima si rifiutò di versare.

In altre circostanze, invece, il gruppo criminale per essere più convincente passò all'azione con spari alle serrande ed anche l'esplosione di un ordigno rudimentale fuori una macelleria. 

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Racket con bombe e spari: fissato l'appello per 10

CasertaNews è in caricamento