La preside: "Punizione esemplare per lo studente"

La dirigente Sgambato annuncia i provvedimenti. Il governatore De Luca: "Problema complesso"

La dirigente scolastica Pina Sgambato

"Una punizione esemplare". E' quella chiesta dai ragazzi dell'istituto Cachelet-Majorana di Santa Maria a Vico dove uno studente di 17 anni ha accoltellato nella giornata di ieri la professoressa di italiano Franca Di Blasio dopo aver preso una nota.

Oggi gli allievi della scuola - che da subito hanno preso le distanze dal folle gesto del compagno che frequenta la quarta - si sono riuniti in assemblea chiedendo alla preside Pina Sgambato di punire il responsabile. "Lo devo a loro - ha spiegato la dirigente scolastica - che sono ancora sconvolti, ai professori, sempre bistrattati, ma anche e soprattutto a lui. Ho convocato per la prossima settimana il Consiglio d'Istituto - prosegue - e d'accordo con l'Ufficio scolastico regionale decideremo come procedere".

Si profila dunque una sanzione pesante, probabilmente una lunga sospensione, per il 17enne di Santa Maria a Vico, attualmente al centro di prima accoglienza minorile dei Colli Aminei a Napoli, in attesa di essere sottoposto all'udienza di convalida del fermo da parte del Gip. "Ho sentito la prof - ha aggiunto la dirigente - sta meglio; speriamo domani possa essere dimessa e tornare a casa".

Sul caso del Bachelet è intervenuto anche il governatore della Campania Vincenzo De Luca che ha parlato di "problema gigantesco". Una questione "complessa", dice, nella quale hanno un ruolo anche i genitori che, in alcuni casi, "sono peggio dei figli, penso in particolare a tutti coloro che aggrediscono i docenti che fanno il loro dovere solo perché non mettono un buono voto.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Abbiamo fatto passare decenni facendo crescere l'emergenza educativa e distruggendo il principio di autorità nel nostro Paese - ha sottolineato a LiraTv - Significa dire dei sì ma anche dei no, mantenere in piedi un principio gerarchico. Questo vale per tutti, anche per me, chiunque di noi ha qualcuno a cui dare conto". "Mi auguro che questi episodi sveglino il Paese e mi auguro che l'Italia non sia lasciata allo sbando".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Violento temporale sul casertano: strade allagate. E' già caos | FOTO E VIDEO

  • Tra i rifiuti spunta una fattura: vigili urbani incastrano il "mago delle cantine" | FOTO

  • Addio Nando: una vita in musica spezzata da un atroce destino

  • Arrivano nel casertano per le vacanze ma sono positivi al coronavirus

  • Muore a 39 anni dopo il drammatico incidente mentre lavora

  • La fortuna bacia il casertano: vinti oltre 130mila al Lotto

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento