menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
L'ultimo caso al San Rocco di Sessa Aurunca

L'ultimo caso al San Rocco di Sessa Aurunca

Psicosi coronavirus nel casertano: test negativi e per ora nessun caso accertato

Tensione prevedibile dopo i due morti in Lombardia e Veneto. Ma per ora le analisi sui casi a Pineta Grande e Sessa Aurunca hanno dato esito negativo

E' ormai psicosi Coronavirus. Dopo le prime 2 vittime in Lombardia e Veneto, ci sono stati i primi casi sospetti anche in Campania, di cui tre nel casertano tra il Pineta Grande di Castel Volturno ed il San Rocco di Sessa Aurunca. Fortunatamente gli esiti sono stati negativi ma l'allerta resta comunque altissima. 

Il primo caso registrato in provincia di Caserta è stato quello di un cittadino di Castel Volturno giunto alla clinica Pineta Grande nella serata di ieri. Il tampone, somministrato come da protocollo, inviato al Cotugno di Napoli ha dato esito negativo. A seguire, sempre al Pineta Grande, è stata la volta di un altro caso, quello di un bulgaro residente a Mondragone. Anche per lui il test ha dato esito negativo. Gli è stata diagnosticata una polmonite.

Nel pomeriggio, invece, a Sessa Aurunca una donna è giunta in pronto soccorso con i sintomi di una polmonite. In via precauzionale è stato attivato il protocollo d'emergenza, con il pronto soccorso interdetto temporaneamente e la paziente messa in isolamento. Per i medici del nosocomio di Sessa Aurunca si tratterebbe, anche in questo caso, di polmonite anche se si attendono gli esiti del tampone inviato al Cotugno. 

Quel che è certo, al di là delle psicosi e degli allarmismi, è che il protocollo di emergenza diramato dal Ministero della Salute all'Asl è stato attivato in tutti gli ospedali del casertano dove si è pronti, in caso di necessità, a fronteggiare qualsiasi tipo di emergenza. Al momento, comunque, non ce n'è stato bisogno.

Dal Cotugno arrivano notizie confortanti: "non ci sono casi da conclamare al momento", fa sapere a NapoliToday Maurizio Di Mauro, direttore generale dell'Azienda Ospedaliera dei Colli, di cui fa parte anche il Cotugno (leggi l'intervista).

Ma non solo l'Asl ed i protocolli. Nella giornata di oggi anche i sindaci hanno iniziato ad attivarsi per pianificare iniziative di prevenzione in modo da non trovarsi impreparati in caso di contagi. 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Attualità

'AstraDay', 24 ore di vaccino per tutti a Caserta: ecco come prenotarsi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento