menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
I mercatali in protesta sull'autostrada Caserta-Napoli

I mercatali in protesta sull'autostrada Caserta-Napoli

Esplode la rabbia: bloccata l'autostrada Caserta-Napoli | VIDEO

I mercatali protestano contro le chiusure per il Covid. Code chilometriche e traffico bloccato: disposta la chiusura di un tratto sull'A1

La riapertura parziale dei mercati in zona rossa, disposta dal presidente della Regione Campania Vincenzo De Luca con l'ordinanza n.11 del 25 marzo, fa esplodere la rabbia. Centinaia di mercatali questa mattina hanno infatti bloccato l'autostrada Caserta-Napoli per protestare contro le chiusure per il Covid-19. Ad oggi solo la vendita dei generi alimentari, prodotti agricoli e florovivaistici è consentita nei mercati. Ed è per questo che tutti gli altri operatori sono scesi in strada per far sentire la loro voce: "Lavoro, lavoro, lavoro...", hanno urlato più volte in autostrada.

Traffico in tilt, bloccato anche De Luca

Sulla A1 Milano-Napoli tra il bivio con la A16 Napoli-Canosa e Caserta Sud in direzione di Roma, è stata disposta la chiusura del tratto a causa della manifestazione di protesta. All'interno del tratto chiuso il traffico è bloccato con 1 km di coda. Chiusi il bivio della A16 con la A1 da Canosa verso Roma dove ci sono 2 km di coda da Pomigliano ed il bivio della A30 con la A1 da Salerno verso Napoli, dove si registrano 5 km di coda da Nola. Chi viaggia verso Roma viene deviato sulla A16 Napoli-Canosa, da cui è possibile immettersi sulla A30 Caserta-Salerno in direzione di Caserta, per poi riprendere la A1 verso nord. A seguito della deviazione obbligatoria in A16 si segnalano 3 km di coda a partire dalla diramazione di Capodichino. Chi viaggia in direzione di Napoli viene deviato sulla A30 Caserta-Salerno, da cui può immettersi sulla A16 Napoli-Canosa e proseguire in direzione della A1. In prossimità della deviazione obbligatoria in A30 si segnala 1 km di coda da Caserta nord. Sul posto sono presenti il personale di Autostrade per l'Italia, gli agenti della Polizia Stradale e i vigili del fuoco. Della protesta ha fatto spese anche il governatore Vincenzo De Luca atteso a Santa Maria Capua Vetere per la 'posa della prima pietra' della rete idrica del carcere e rimasto anche lui bloccato in autostrada.

Mercatali si dirigono verso la Capitale

I commercianti intanto si stanno recando a Roma per partecipare alla giornata di mobilitazione indetta dal sindacato Ana Ugl e, diretti verso la Capitale, si muovono a passo d'uomo, suonando i clacson di furgoncini e automobili. Su un furgone sono stati affissi dei cartelli con la scritta "Ridateci Conte" e "Sindaci incapaci", mentre i manifestanti urlano "Lavoro" e "Non molleremo mai". I mercatali ritengono di essere stati penalizzati dalle ultime misure prese dal governo per fermare l'avanzata del Covid, in particolare si sentono "discriminati - spiega l'Ana Ugl - rispetto ad altre categorie, come centri commerciali, megastore e grandi strutture di vendita della grande distribuzione, a cui è consentito esercitare l'attività nonostante non vi sia alcun contingentamento. Non è garantito il distanziamento sociale e sono luoghi chiusi dove, quindi, il rischio di contagio è più alto. I mercati, invece, si svolgono all'aperto e vi è un naturale ricambio d'aria. Ci è sembrato che a marzo gli unici a fare il lockdown nelle regioni rosse siano stati proprio i mercatali".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Ultime di Oggi
  • Cronaca

    Il Covid fa un'altra vittima: muore a 54 anni

  • Cronaca

    Maxi blitz anti droga dei carabinieri: 17 arresti

  • Cronaca

    Bambino positivo al Covid, chiusa la scuola materna

Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento