Investe e accoltella l’amante della moglie, giudizio immediato per il 41enne

Il tentato omicidio fuori un locale di Villa Literno

Disposto il giudizio immediato presso il Tribunale di Napoli Nord per Giovanni N., imputato per il tentato omicidio dell'amante della moglie. Il 41enne originario di Aversa ma residente a Villa Literno, attualmente detenuto presso la casa circondariale di Santa Maria Capua Vetere, nell’ottobre del 2018 investì con la sua auto P.S. nei pressi di un noto locale del centro di Villa Literno, e mentre il malcapitato riversava a terra, lo colpì allo stomaco con un coltello di circa 25 cm che rimase conficcato nello stomaco della vittima perché si ruppe nell'infliggere il fendente.

Il tutto accadeva sotto gli occhi terrorizzati di coloro che si trovavano per strada e nel locale. Durante il trasporto in ospedale ad Aversa la lama fuoriuscì ‘salvando’ la vittima. L'imputato resosi conto dell'accaduto si costituì con il suo legale, l'avvocato Ferdinando Letizia, dinanzi ai carabinieri di Villa Literno il giorno dopo l'aggressione.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora davanti al gip dovrà rispondere di tentato omicidio, lesioni personali, detenzione abusiva d'arma, nonché condotte reiterate di molestie, pedinamenti, appostamenti, aggressioni ai danni di P.S., l'amico fedifrago che ha pagato a caro prezzo il suo tradimento.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Antonietta, l'ingegnere casertano che ha rifiutato le offerte del Nord ed ha reinventato l’Ingegneria Clinica della Federico II

  • Caterina Balivo ad Aversa tra piatti da lavare e gran caldo

  • Bomba di caldo, ecco le città casertane più ‘hot’. Ma c'è in arrivo la pioggia

  • Il pentito: "Ho permesso di spacciare nella piazza che i Belforte mi avevano lasciato dopo gli omicidi"

  • Il compagno di scuola pentito: "Autorizzato a spacciare con una mia lettera"

  • Trasforma la tettoia in mansarda, 'condannato' dal giudice

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
CasertaNews è in caricamento