Mercoledì, 28 Luglio 2021
Cronaca

Pedofilo ucciso, il consulente chiede più tempo per la perizia sulla pistola

A metà luglio la nuova udienza se non ci saranno ulteriori rinvii

Matarazzo è stato ucciso vicino la sua abitazione

Un altro mese di attesa per avere le risposte sulla pistola utilizzata per l'omicidio di Giuseppe Matarazzo, il pastore di Frasso Telesino ammazzato a colpi di arma da fuoco la sera del 19 luglio 2018 nei pressi della sua abitazione dopo aver scontato una condanna per pedofilia. 

Il consulente balistico scelto dalla Corte d’Assise di Benevento, davanti alla quale si sta svolgendo il processo a carico di Giuseppe Massaro di Sant'Agata de' Goti e Generoso Nasta di San Felice a Cancello, ha chiesto ulteriore tempo per poter completare la perizia. L’udienza è stata quindi aggiornata a metà luglio quando è attesa anche la sentenza. 

Ad insinuare il dubbio erano state le conclusioni opposte dei consulenti nominati rispettivamente dalla Procura e dalla difesa, per la quale non era stata dimostrata "l'identità" della pallottola. Per questo si è resa necessaria una nuova perizia. Il pm Francesco Sansobrino ha invocato l'ergastolo per entrambi gli imputati. Gli imputati sono rappresentati dagli avvisato Mario Palmieri, Angelo Raucci, Angelo Leone ed Orlando Sgambati.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pedofilo ucciso, il consulente chiede più tempo per la perizia sulla pistola

CasertaNews è in caricamento