rotate-mobile
Lunedì, 16 Maggio 2022
Cronaca Recale

Processo alla maestra: in aula il maresciallo che ha condotto le indagini

Ascoltato anche il perito che ha trascritto le registrazioni

E’ stato il turno di due testi nel processo alla maestra accusata di maltrattamenti ai danni degli alunni della scuola elementare ‘Giovanni Falcone’ di Recale. Davanti al giudice sono comparsi il consulente indicato dal giudice che ha trascritto le intercettazioni delle cimici e dei video registrati nelle classi e poi il maresciallo Nero che ha condotto le indagini. La maestra, 65 anni, è stata denunciata in seguito alle segnalazioni di genitori e della dirigente scolastica dell'istituto: le indagini hanno permesso di accertare, anche avvalendosi di riprese audiovisive, plurime e reiterate condotte della insegnante ai danni di alcuni alunni della classe prima a lei affidata. Le condotte accertate ed oggetto di incriminazione consistono in insulti, minacce ed anche violenze fìsiche commesse con schiaffi, strattonamenti, percosse al capo e tirate di capelli ai danni dei minori, alcuni dei quali hanno riportato lesioni. In un caso lo strattonamento ha prodotto altresì serie lesioni alla spalla di una bambina. Le parti civili sono rappresentate in aula dagli avvocati Salvatore Gionti e Carmen Posillipo.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Processo alla maestra: in aula il maresciallo che ha condotto le indagini

CasertaNews è in caricamento