Camorra e droga, oltre 2 secoli e mezzo di carcere per 28 imputati

Pene severe per Pontillo, Letizia e Bruno. Il giudice respinge 2 patteggiamenti

Aniello Bruno e Primo Letizia

Ventotto condanne e due patteggiamenti negati. Si è chiuso così il processo con rito abbreviato nell’ambito dell’inchiesta Unrra-Casas che ha svelato i contorni dello spaccio di droga tra Marcianise, Capodrise e l’hinterland promosso con l’accordo dei clan Belforte e Piccolo.

Le pene più pesanti sono state decise per Giovanni Pontillo (20 anni), Primo Letizia (19 anni), Aniello Bruno (19 anni) considerati i capi promotori dell’organizzazione criminale. A Salvatore Allegretta sono comminati 10 anni e 6 mesi; 10 anni per Amedeo Belvisto; 15 anni e 6 mesi per Andrea Bizzarro; 10 anni e 2 mesi per Generoso Di Sivo; 10 anni e sei mesi per Filippo Lasco; 10 anni e 2 mesi per Alessandro Mandarino; 10 anni e 10 mesi per Andrea Nocera; 10 anni e 2 mesi per Pasquale Regino; 10 anni e 6 mesi per Fabio Romano; 11 anni per Nicola Viciglione; 10 anni e 4 mesi per Alessandro Zampella; 8 anni, 1 mese e 10 giorni per Giuseppe Grillo (collaboratore di giustizia); 9 anni ed 8 mesi per Francesco Piccirillo; 9 anni ed 8 mesi per Gregorio Romano; 9 anni e 6 mesi per Raffaele Tartaglione; 9 anni e 10 mesi per Rosario Valenti; 9 anni ed 8 mesi per Marco Viciglione; due anni (pena sospesa) per Caterina De Matteis; 2 anni ed 8 mesi per Antonio Di Fuccia; 2 anni e 6 mesi per El Kahf Iniane; 4 anni e quattro mesi per Giglio Onelio Francini; tre anni per Antonio Marasco; tre anni per Francesco Persico; un anno e 10 mesi (pena sospesa) per Tommaso Smeragliuolo; 2 anni per Francesco Stellato. Il giudice ha anche respinto le richieste di patteggiamento per Gennaro Barca e Nunzia De Matteis. Assolto invece Pasquale Buttone per il quale il pm aveva chiesto 6 anni di carcere.

Nel collegio difensivo erano impegnati, tra gli altri, gli avvocati Fabio Della Corte, Gaetano Laiso, Nicola Musone, Giuseppe Foglia, Federico Simoncelli, Pasquale Delisati, Angelo Raucci, Mariano Omarto, Nello Sgambato, Pasquale Barbato, Franco Liguori, Dezio Ferraro.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

  • Sparatoria con la polizia, il 'finto militare' può essere processato

Torna su
CasertaNews è in caricamento