Il processo ai Cesaro, spunta un summit col figlio del boss: "Venne arrestato poche ore prima"

L'inchiesta sui capannoni dell'area Pip a Lusciano, Vassallo: "Ditta dei Cesaro sponsorizzata da Bidognetti"

Gaetano Vassallo

Vassallo atto secondo. E' proseguita stamattina l'escussione di Gaetano Vassallo nel processo per le infiltrazioni dei Casalesi nell'area Pip di Lusciano e che vede imputati, tra gli altri, i fratelli dell'onorevole Luigi Cesaro - Aniello e Raffaele, entrambi colpiti dall'ordinanza di custodia cautelare di martedì 9 giugno -, l'ex sindaco di Lusciano Isodoro Verolla ed altri imputati.

Nel corso dell'udienza, celebrata dinanzi al collegio presieduto dal giudice Roberto Donatiello di Santa Maria Capua Vetere, è continuata l'escussione di Vassallo che, tra vari "non ricordo", ha ripercorso la vicenda. Vassallo ha parlato dell'incontro con tra Luigi Cesaro e il boss Luigi Guida detto 'o Drink relativa alla tangente da pagare al clan per l'area ex Texas ad Aversa oltre alla zona Pip di Lusciano per la quale era prevista una "spartizione degli utili e dei capannoni, che si dovevano realizzare, a Lusciano attraverso la ditta di Cesaro sponsorizzata dal clan Bidognetti presso il Comune". 

L'operazione, secondo Vassallo, sarebbe stata coordinata da Nicola Ferraro mentre Guida era deputato ad intervenire direttamente sul sindaco di Lusciano "per superare i vari ostacoli". "L’operazione avveniva in questo modo - ha spiegato Vassallo nel corso degli interrogatori - venivano individuati e segnalati da Luigi Guida i terreni da lottizzare ai pubblici amministratori del Comune di Lusciano che provvedeva a trasformarli da agricoli in industriali ed assegnarli attraverso l’inserimento in area Pip alle varie aziende che facevano richiesta, segnalate dal gruppo Bidognetti".

Vassallo ha anche riferito di un incontro a casa di Raffaele Bidognetti e che saltò perché il figlio del boss venne arrestato poco prima. A quell'incontro avrebbero dovuto partecipare anche politici ed aveva come oggetto "appalti inerenti l'assegnazione della refezione scolastica, la fornitura di carburante e la riscossione dei tributi" a Lusciano ed anche a San Marcellino. 

Il processo si è aggiornato a due settimane per proseguire con l'escussione di Vassallo. Nel collegio difensivo sono impegnati, tra gli altri, gli avvocati Mario Griffo, Giovanni Cantelli, Paolo Caterino e Rocco Trombetti. 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vinti 14mila euro nel casertano: centrato un terno al Lotto

  • La Campania può diventare 'zona arancione' nelle prossime 48 ore

  • Va in ospedale per una colica renale ma finisce in tragedia: muore 40enne

  • Imprenditore casertano ubriaco alla guida uccide 37enne

  • Il sindaco non ha più la maggioranza: bilancio bocciato. Dopo 18 mesi finisce l'era Golia

  • Altre 8 vittime del virus nel casertano ma i nuovi positivi sono in calo

Torna su
CasertaNews è in caricamento