rotate-mobile
Martedì, 30 Novembre 2021
Cronaca

Chiesta la condanna di Cosentino e di altri 12 imputati

L'ex sottosegretario imputati nel processo bis 'Il Principe e la scheda ballerina'

Il sostituto procuratore generale di Napoli Carmine Esposito ha chiesto la conferma della condanna per Nicola Cosentino nell’ambito dell’appello del processo cosiddetto “Il Principe e la Scheda Ballerina”. In primo grado, come riporta l'Ansa, l’ex sottosegretario all’Economia del Pdl fu condannato dal tribunale di Santa Maria Capua Vetere a cinque anni di carcere per il reato di tentativo di reimpiego di capitali illeciti con l’aggravante mafiosa, in relazione al finanziamento da cinque milioni di euro per la costruzione di un centro commerciale a Casal di Principe, denominato “Il Principe”, voluto secondo l’accusa dal clan dei Casalesi, ma mai realizzato. Il pg ha chiesto la conferma della sentenza di primo grado anche per gli altri venti imputati. L’indagine realizzata dalla Direzione Distrettuale Antimafia di Napoli porto’ nel dicembre 2011 all’arresto di quasi 50 persone, non solo per la realizzazione del centro commerciale, ma anche per voto di scambio in relazione alle elezioni comunali di Casal di Principe del 2007 e del 2010. Oggi ha discusso uno dei legali di Cosentino, Stefano Montone, che ha chiesto l’assoluzione dell’ex politico, sperando che accada quanto avvenuto in un altro processo d’appello in cui era coinvolto Cosentino, quello cosiddetto “Carburanti”, in cui l’ex coordinatore del Pdl e’ stato assolto dopo aver preso una condanna in primo grado a 7 anni e mezzo. Si tornera’ in aula il 19 novembre per il prosieguo delle discussione degli avvocati degli imputati. In primo grado i giudici hanno inflitto 13 condanne ed 8 assoluzioni. Con Cosentino vennero condannati Nicola Di Caterino a 11 anni, Gaetano Iorio a 9 anni, Stefano Di Rauso a 9 anni, Mauro La Rossa a 7 anni, Cristoforo Zara a 5 anni, Caterina Corvino a 4 anni, Rossano Tirabassi a 4 anni, Gennaro Abbruzzese a 4 anni, Stefania Porcellini a 2 anni e 8 mesi, Claudio Angeli a 2 anni e 8 mesi, e Marco Galante a 2 anni.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Chiesta la condanna di Cosentino e di altri 12 imputati

CasertaNews è in caricamento