Cronaca Orta di Atella

Abusi edilizi, processo a ex sindaco ed altri 61 verso la prescrizione

Ennesimo rinvio dell'udienza preliminare. A gennaio scadono i termini

La giustizia lumaca frena ancora il processo a carico dell'ex sindaco di Orta di Atella Angelo Brancaccio ed altri 61 indagati, tra cui tecnici ed politici, coinvolti nell'inchiesta sugli abusi edilizi nel comune atellano. Nei giorni scorsi si è assistito all'ennesimo rinvio, a settembre, con la spada di Damocle della prescrizione che ormai pende sul procedimento.

Un caso concreto di una questione che sta tenendo banco nel dibattito politico nazionale con la proposta di "Riforma della Giustizia", passata in Consiglio dei Ministri, e che è terreno di scontro delle varie forze politiche. Sulla prescrizione il testo approvato in Cdm prevede di mantenere la disciplina già in vigore che blocca la prescrizione a seguito della sentenza di primo grado (indifferentemente per condanna o assoluzione) ma al contempo si stabilisce una durata massima di due anni per i processi d’appello, e di un anno per quelli innanzi alla Corte di Cassazione. "Decorsi detti termini, opererà l’improcedibilità". Una correzione della Riforma Bonafede che è stata accolta dall'ex Guardasigilli non senza una punta polemica. In "un processo che si conclude nel nulla (che questo nulla si chiami prescrizione o improcedibilità poco importa) c’è il più grande e grave fallimento di uno Stato di diritto", ha detto Buonafede riferendosi al nuovo testo normativo. 

E dalla teoria alla pratica il passo è breve. I fatti oggetto del processo, infatti, risalgono all'approvazione del Puc approvato nel 2014 con i termini della prescrizione che, dunque, scadranno il prossimo mese di gennaio. Un processo nato (sia chiaro, dipende dai punti di vista) sotto una cattiva stella con il gup di Napoli che aveva dichiarato la propria incompetenza territoriale in favore di quello di Santa Maria Capua Vetere e con l'iter che è ricominciato da capo, con la nuova udienza preliminare che si sta celebrando al Palazzo di Giustizia sammaritano. Si torna in aula a settembre. Il tempo stringe.

Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Mario Griffo, Raffaele Costanzo, Gerardo Marrocco, Vincenzo Guida, Mauro Iodice, Paolo De Angelis, Carmen Moscarella, Giuseppe Stellato.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Abusi edilizi, processo a ex sindaco ed altri 61 verso la prescrizione

CasertaNews è in caricamento