Cronaca Marcianise

Positivo il parroco di San Simeone: "Chi ha avuto contatti con me si denunci"

Don Antonio lancia l'appello dopo l'esito del tampone. Sanificata la chiesa, messe celebrate da sostituti

Il parroco di San Simeone don Antonio Piccirillo

Positivo al coronavirus il parroco della chiesa di San Simeone di Marcianise don Antonio Piccirillo. E' stato lo stesso sacerdote ad informare la sua comunità della sua posività confermando anche di non presentare alcun sintomo.

"La mia quarantena, dal pomeriggio del 2 di novembre, continuerà ancora a casa, lontano dalla Chiesa e dagli ambienti pastorali - dice don Antonio - Chiedo a tutti di sostenermi con la preghiera e di essere di conforto in questo momento a chi mi è stato affianco e prova giusto turbamento per la propria salute. Anche per loro vale l'obbligo di denuciare al medico curante i "contatti ravvicinati" avuti con la mia persona. Anche per loro la preghiera e il sostegno della comunità! Il contagio corre in maniera veloce, "impazzito", in tante famiglie e tutti possiamo esserne potenziali vettori. Facciamo seriamente attenzione".

Don Antonio in questi giorni di isolamento ha ricevuto "diverse telefonate, messaggi, vocali da fedeli e non che hanno confidato la loro positività al Covid. Alcuni, ancorché giovani, hanno lamentato esperienze terribili della malattia e tanta paura. Il mio pensiero quotidiano e costante in questi giorni era per loro, per gli ammalati di Covid-19".

La parrocchia San Simeone Profeta è stata già santificata in tutti i suoi ambienti secondo il protocollo sanitario. Domenica sarà aperta e lo sarà anche nei prossimi giorni "grazie ai collaboratori ed alcuni sacerdoti che mi sostituiranno per il tempo necessario della guarigione. Le celebrazioni liturgiche continueranno ad essere svolte nel pieno rispetto delle normative anticovid-19".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Positivo il parroco di San Simeone: "Chi ha avuto contatti con me si denunci"

CasertaNews è in caricamento