Cronaca

E' positiva al Covid ma la trovano a 600 km da casa, nei guai 27enne casertana

La giovane doveva rispettare la quarantena domiciliare ma ha lasciato l'Emilia Romagna per tornare in Campania

La Polizia locale di Faenza ha recentemente denunciato una 27enne residente a Faenza originaria del casertano che, sottoposta al regime di quarantena perché risultata positiva al Covid-19 con l’obbligo dell’isolamento, non era stata trovata al suo domicilio nel corso di un controllo da parte degli agenti. L’Azienda sanitaria, infatti, dispone l’isolamento per le persone risultate positive al Coronavirus e delega le forze di polizia al controllo del rispetto della quarantena.

Secondo quanto riportato da RavennaToday sono scattate le indagini da parte del Nucleo di Polizia giudiziaria dell’Unione della Romagna faentina, la donna è stata rintracciata nel comune di origine a casa di un conoscente dai vigili del posto, ai quali i colleghi manfredi si erano rivolti. La donna ha tentato di giustificare il suo allontanamento da Faenza asserendo che la persona dalla quale si trovava aveva chiesto il suo aiuto perché si trovava in cattivo stato di salute. La cosa non ha evitato alla 27enne la segnalazione alla Procura della Repubblica di Ravenna e la conseguente denuncia nei suoi confronti.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

E' positiva al Covid ma la trovano a 600 km da casa, nei guai 27enne casertana

CasertaNews è in caricamento