rotate-mobile
Cronaca Castel Volturno

La Procura 'concede' la riapertura del ponte sul Volturno a pedoni e ciclisti

La struttura sequestrata ad agosto per problemi di staticità potrà esser restituita ai cittadini seppur parzialmente

Riapertura del ponte sul Volturno a Castel Volturno per il solo transito di pedoni e velocipedi. È quanto disposto dalla Procura di Santa Maria Capua Vetere in riscontro all'istanza di dissequestro presentata dal sindaco Luigi Petrella e curata dall'avvocato Francesca Luongo, finalizzata a consentire l'utilizzo parziale dell'opera quale indispensabile via d'accesso alla città del litorale.

Il ponte sul fiume Volturno che si erge al chilometro 29 della Strada Statale Domiziana nel comune di Castel Volturno rappresenta l'unico collegamento tra Destra Volturno, Bagnara, Pescopagano con il centro storico castellano nonché con i limitrofi comuni. Questa necessaria e primaria 'via di collegamento' è stata posta sotto sequestro ad opera della Procura sammaritana lo scorso 5 agosto per problemi di staticità caratterizzati da un diffuso stato di degrado delle strutture portanti nonché da un danneggiamento delle strutture metalliche di protezione dei percorsi pedonali laterali lungo il ponte. La 'concessione' della Procura di Santa Maria Capua Vetere alla facoltà di utilizzo del ponte sul Volturno per pedoni e biciclette esita dalla presentazione della relazione tecnica ad opera del Ctu Gianfranco De Matteis contenente soluzioni tecniche compatibili con la necessità di cautelare il pericolo per l'incolumità pubblica giustificante il sequestro con le esigenze di viabilità dell'intero territorio castellano.

L'utilizzo del ponte sul Volturno per pedoni e biciclette sarà possibile previa adozione di specifici provvedimenti, di cui si farà garante l'amministrazione comunale, come la sistemazione di barriere di tipo new jersey nelle posizioni in cui sono stati attualmente disposti i divieti di accesso all'infrastruttura, l'affiancamento di due elementi di circa 5 metri di lunghezza posti a cavallo dell'asse stradale e ad una mutua distanza di 70 centimetri che possa permettere così il passaggio di un pedone o di una bici, data l'impossibilità di utilizzo dei marciapiedi laterali. A valle, a distanza di circa 80 centimetri, dovrà esser disposto un ulteriore elemento posto frontalmente al varco, in modo tale da impedire l'eventuale passaggio dei ciclomotori. Effettuati tali lavori di adeguamento il ponte sul Volturno potrà esser restituito ai cittadini castellani seppur parzialmente.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

La Procura 'concede' la riapertura del ponte sul Volturno a pedoni e ciclisti

CasertaNews è in caricamento