menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Le arnie per il miele ritrovate in un'azienda agricola

Le arnie per il miele ritrovate in un'azienda agricola

Rubano 21 arnie per il miele: ritrovate grazie al Gps in un'azienda agricola

Erano nascoste in una vigna. I tre titolari denunciati per ricettazione

Nel corso della notte tra venerdì e sabato, una telefonata pervenuta sull’utenza 113 allertava il personale del Commissariato di di Sessa Aurunca. Veniva segnalato il furto di 21 arnie per la produzione del miele da una azienda agricola di Grazzanise in località Borgo Appio.

Il titolare riferiva di aver subito il furto nel pomeriggio di venerdì e, attraverso un GPS, che aveva installato all’interno di una delle 21 arnie era in grado di riferire anche dove la refurtiva era stata portata dopo il furto. Gli agenti del commissariato, quindi, si sono portati a Falciano del Massico dove il segnale GPS riferiva che le arnie erano state posizionate all’interno dell’area di una azienda agricola ubicata in prossimità del lago.

La vastità dello spazio segnalato ha richiesto una meticolosa perquisizione da parte di tutto il personale impiegato, il quale senza ricevere alcun aiuto da parte dei proprietari dell’azienda di Falciano del Massico, sono riusciti ad individuare tutta la refurtiva all’interno di una vigna ben celata alla vista.

Sul posto è stato convocato il denunciante il quale ha subito riconosciuto le proprie arnie e ha consentito poi agli agenti di deferire all’Autorità Giudiziaria per il reato di ricettazione, i tre cootitolari dell’azienda di Falciano del Massico, i quali hanno riferito di non sapere come quelle arnie fossero giunte sul loro terreno.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La Domiziana invasa da un'imbarcazione di 24 metri | FOTO

Attualità

Docente della scuola elementare positiva al coronavirus

Attualità

Una alunna positiva al coronavirus: tornano in Dad due classi

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

CasertaNews è in caricamento