Pistola rubata a casa Alois, 4 condanne ed un'assoluzione

Tre anni per la figlia del proprietario. Assolto Barbarano

Quattro condanne ed un’assoluzione: si è chiuso così il processo con rito abbreviato per il furto di una pistola avvenuto a Caserta. Il giudice ha comminato tre anni e due mesi a Virginia Alois di Caserta (figlia dell’uomo a cui è stata rubata la pistola); 2 anni ad Alessio Geniale di San Marco Evangelista; 5 anni e sei mesi a Michele Iadicicco di Marcianise; due anni ad Amelia Trabalzo di Capodrise (chiuso con patteggiamento e pena sospesa). Assolto invece perché il fatto non sussiste Antonio Barbarano. La vicenda riguarda il furto di una pistola a casa Alois che sarebbe stato commesso dalla figlia Virginia che l’avrebbe poi ceduta in cambio di droga. Agli imputati sono contestati, a vario titolo, reati che vanno dalla droga, alla ricettazione fino alla detenzione e porto illegale di armi. Nel collegio difensivo erano impegnati gli avvocati Giuseppe Ferraro, Nicola Musone, Giovanbattista Valentino, Pasquale Delisati, Orlando Tarallo, Tommaso Giaquinto.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • La ‘Dea Bendata’ bacia il casertano: vincita record al Lotto

  • Beccati con i colombacci appena abbattuti, nei guai coppia di bracconieri | FOTO

  • Camorra, chiesta la condanna per imprenditore accusato da Schiavone

  • Fiumi di cocaina nel casertano, mano pesante della Dda: chieste 57 condanne

  • Aggredisce i passanti, fermato dal campione di arti marziali

  • Camorra, l’allarme della Dda: “Casalesi 2.0 più insidiosi del vecchio clan”

Torna su
CasertaNews è in caricamento