Domenica, 17 Ottobre 2021
Cronaca Maddaloni

Picchiato dagli usurai: testimonianza shock in tribunale

Il dipendente di una ricevitoria ha raccontato l'aggressione ai giudici

Venne aggredito e picchiato dopo aver parlato con i magistrati. E' questa la versione fornita in aula da un dipendente di una ricevitoria di Maddaloni finita nella rete degli usurai al punto da arrivare alla chiusura. 

L'uomo è stato ascoltato nel corso dell'udienza celebrata al tribunale di Santa Maria Capua Vetere, dinanzi al collegio presieduto dal giudice Donatiello, nel processo che vede alla sbarra, tra gli altri, i due titolari di una gioielleria di Maddaloni, Tommaso Giglio e Costanza Orso; Lorenzo Vinciguerra, commerciante; Luigi Marciano e Giuseppe Fedele.

Il dipendente, anch'egli costituitosi parte civile con l'avvocato Andrea Balletta (mentre la titolare dell'attività è assistita dall'avvocato Gianluca Giordano) ha confermato il giro di usura in cui era finita la sua titolare essendo egli stesso a consegnare materialmente i soldi ricevuti in prestito. Ma dopo la chiusura dell'attività il lavoratore venne avvicinato dalla banda, dopo essere stato ascoltato dagli inquirenti, e venne aggredito fisicamente. 

Il processo è stato rinviato a metà febbraio. Nel collegio difensivo sono impegnati gli avvocati Santoro, Struffolino, Michele Ferraro, Corsiero, Gallo e Grasso

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Picchiato dagli usurai: testimonianza shock in tribunale

CasertaNews è in caricamento